lunedì, Novembre 28, 2022
HomeCronacaMare Sicuro in Campania: i dati dei controlli su 523 chilometri di...

Mare Sicuro in Campania: i dati dei controlli su 523 chilometri di costa

I dati resi noti dalla Direzione Marittima della Campania della Guardia Costiera di Napoli sul bilancio dell’Operazione Mare Sicuro Estate 2022

Oltre mille Bollini Blu, 88 interventi di salvataggio a imbarcazioni e oltre 250 persone tratte in salvo, 2.134 violazioni riscontrate in circa 10/12mila controlli. Sono alcuni dei dati resi noti dalla Direzione Marittima della Campania della Guardia Costiera di Napoli sul bilancio dell’Operazione Mare Sicuro Estate 2022 che ha coinvolto 33 uffici marittimi e si è estesa su 523 Km di costa.

Oltre cento i militari impiegati ogni giorno per i controlli in mare e sulle spiagge, 25 le motovedette e 19 i battelli veloci in campo a pattugliare le acque dei litorali della regione. Punto dolente, gli scarichi abusivi: se un tempo il problema era dovuto a petroliere e sversamenti di idrocarburi in mare, problema sconfitto grazie anche ai controlli satellitari, al momento urge una sensibilizzazione maggiore dei cittadini.

LEGGI ANCHE: Sole e caldo con l’anticiclone Scipione l’Africano, le previsioni meteo

“L’attività che facciamo con Mare Sicuro si indirizza su due direttrici: quella della gestione delle emergenze e quella delle attività di vigilanza e controllo”, ha detto il Direttore Marittimo della Campania, Pietro Giuseppe Vella. “Siamo riusciti a trarre in salvo circa 260 persone sulla base di 88 interventi e per quanto riguarda le attività di vigilanza e controllo che hanno riguardato sicurezza e navigazione in primis, ma anche tutela dell’ambiente e delle risorse ittiche, abbiamo avuto eccellenti risultati”.

Mare Sicuro ha visto un monitoraggio costante alla pesca di frodo e al prelievo di prodotti ittici non consentito per evitarne la vendita e il consumo a tavola. “Nel periodo estivo i controlli si sono concentrati non solo a mare ma anche sulle fasi di filiera dallo sbarco alla vendita”, ha aggiunto Vittorio Giovannone Comandante della Capitaneria di Porto di Torre del Greco.

“Notiamo un trend in crescita per quanto concerne la proporzione tra numero di controlli effettuati e quello delle infrazioni elevate, legate a tracciabilità ed etichettatura”. In aumento le infrazioni nella pesca sportiva praticata con attrezzi non consentiti, come trappole o nasse, pericolo per la navigazione. Tra le altre operazioni, lo sgombero dell’area demaniale di 10mila metri quadrati, occupata da rifiuti, sulla spiaggia di Coroglio nell’ex area industriale di Bagnoli.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI