UN NAPOLI TROPPO SPENTO

L’Empoli a sorpresa riesce a piegare il Napoli per due reti a uno grazie ai gol di Farias e Di Lorenzo. Inutile la rete di Zielinski che riaccende le speranze dei partenopei. La squadra allenata da Andreazzoli è stata brava a difendersi e a saper ripartire, prendendo in contropiede il Napoli.

La strategia ha funzionato a tal punto che c’è voluto un miracolo di Alex Meret per evitare il doppio svantaggio, che però è arrivato al minuto 53° e che è costato molto caro agli azzurri, i quali non hanno saputo riprendere la partita.

La squadra di Ancelotti ha giocato con un carattere troppo molle ed ha fatto girare palla in maniera troppo lenta e prevedibile,meritando la sconfitta. Una sconfitta che brucia ma che poco importa per le sorti del campionato.

Il Napoli è proiettato mentalmente all’Europa League, dal momento che il secondo posto in campionato è stato praticamente blindato. Milan e Inter proveranno a rubacchiare ancora qualche punticino, e su questo gli uomini di Ancelotti dovranno tenere gli occhi bene aperti per non perdere il controllo della situazione. I nerazzurri distano però 7 punti e i rossoneri addirittura 11. Nelle prossime giornate i partenopei dovranno cambiare approccio, perché è anche da questi aspetti che si vede la maturità di un gruppo, ma può sicuramente stare tranquillo e giocare senza troppe pressioni. La sconfitta di Empoli non cambia il campionato azzurro, va considerato piuttosto un incidente di percorso.

Biagio Barra

Antonio Del Prete

Gabriele Aconito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *