Palermo in C, dalle stelle alle stalle

Nonostante i punti (63) e la sua posizione in classifica (3^)  il Palermo è stato retrocesso in Serie C per illecito amministrativo. Nei mesi precedenti il club siciliano era stato al centro di confuse trattative che secondo il Tribunale Federale sono state effettuate in modo irregolare alterando così il bilancio societario a favore del Club. La penalizzazione modificherà, ovviamente, la classifica annullando il match valido per i Play-Out tra Venezia e Salernitana, rimanendo così nel campionato di Serie B e le ultime tre Foggia, Padova e Carpi, saranno comunque retrocesse in Serie C assieme al Palermo.

“Una decisione che colpisce tutta la città- afferma il sindaco di Palermo Leoluca Orlando -che non tiene conto dei risultati sportivi ed ancor più dolorosa se si tiene conto dei risultati raggiunti dalla squadra durante la stagione. Una decisione rispetto alla quale valuteremo, anche come Amministrazione comunale, quali siano i margini di appello”.

Il Tribunale Federale ha dichiarato inammissibile il deferimento nei confronti di Maurizio Zamparini, ex presidente della società, accogliendo la richiesta dei suoi legali che avevano contestato il mancato rispetto dei termini previsti per l’esercizio del diritto di difesa.

 La FIGC ha rilasciato una nota definitiva affermando: “Per la Società US Città di Palermo Spa la retrocessione all’ultimo posto del campionato di Serie B della stagione sportiva in corso 2018/2019″ per responsabilità diretta in illeciti amministrativi riguardanti le stagioni 2014-17”.

Antonio Troiano  

Alessandro Farina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *