martedì, Maggio 18, 2021
HomeEventiNapoli: Domenica a Piazza Dante la Festa della Liberazione dalla paura

Napoli: Domenica a Piazza Dante la Festa della Liberazione dalla paura

Tra i tanti artisti che aderiscono: Eugenio Bennato, Lino Blandizzi, Francesco Di Bella e gli Almamegretta

Ballare assieme per esorcizzare la paura. Vibrare positivo al tempo della musica. Condividere energia vitale in presenza. Questi gli obiettivi di Contropaura, la manifestazione che si terrà a Napoli, Piazza Dante, Domenica 25 Aprile, Festa della Liberazione, dalle ore 11.00 alle 15.00, nel rispetto delle normative di sicurezza ed anti-covid. (“Prima di perdersi” il primo singolo di comecarbone, alias Giovanni Carbone)

Nenne Martongelli, dj vinilico e fotografico, Hassan Black, promotore da decenni delle serate napoletane ed Antonio Turco, creatore del format Vinyl Session, hanno ideato questo evento per dare supporto a tutti i cittadini ed al settore più colpito dalle chiusure, quello della cultura, dell’arte e dello spettacolo, con una manifestazione autorizzata dalla Questura, in chiave musicale.

Hanno già assicurato la propria presenza i tanti gruppi musicali ed artisti, che ravvivano le strade di Napoli e del Centro storico. Hanno aderito anche i musicisti della scuola rock, rap, jazz, folk e dub, che contribuiscono a fare grande l’arte musicale partenopea. Non mancheranno star di teatro, cinema e tv, artisti figurativi e scrittori (v. L’evento e gli artisti). Per tenersi aggiornati sulle numerose adesioni, che continuano a giungere, consultare l’evento e la pagina Contropaura su FB (https://www.facebook.com/Contropaura-105091768354914). La manifestazione sarà trasmessa in video diretta da Radio OndaWeb (www.ondawebradio.com ). Gli organizzatori invitano chiunque coltivi un’arte a portare con sé gli strumenti per farla vivere a Piazza Dante.

L’evento in Piazza Dante – primo di questo genere in Italia dopo oltre 400 giorni di chiusure -, si preannuncia come una grande festa per far sì che l’arte e la cultura continuino a sognare un’apertura che tarda ad arrivare. Il settore, infatti, è ancora interamente fermo, con grave sofferenza da parte di lavoratori, abituati già a fronteggiare la precarietà ed occasionalità propria di questo vitale e trasversale ganglo dell’economia e dell’anima italiana.

I napoletani, famosi per la loro voglia di gioire e stare assieme, saranno di certo i veri protagonisti di questo evento inaugurale di una serie d’iniziative che Contropaura – organizzazione appena nata – intende proseguire per incoraggiare le persone spaventate, finché non riapriranno le strutture che ospitano la vita culturale e la paura, come questa brutta malattia, si dissiperà al suono della musica e delle risate.

L’evento e gli artisti

A Piazza Dante non ci sarà un palco, ma, come in una festa popolare vari cerchi dove si esibiranno gli artisti. Tutti sullo stesso piano, dunque, attori, musicisti e pubblico: sarà un’ottima occasione per divertirsi assieme e socializzare.

Le adesioni sono numerose ed entusiaste ed altre continueranno sicuramente a giungere agli organizzatori in questa settimana. Ad oggi, aderiscono a Contropaura i seguenti cantanti e musicisti: Eugenio Bennato, Francesco Di Bella, Lino Blandizzi, gli Almamegretta, Gennaro De Crescenzo, Simona Boo, Andrea Tartaglia, Marzouk Mejri dei Fanfara Station, Assia Fiorillo, Paolo Palopoli, Valerio Ruotolo dei Diatriba, Federa, Paolo “Batá” Bianconcini con Batalab e Batangoma, Tommaso Fichele, i rapper Gheto e Peppoh, Michele Buonocore, Salvo De Rosa, i Chiodo Fisso, i Tamambulanti Ensemble, Mc Mariotto, Zingarina, Pino Rosi, Murgas Los Espositos (in foto), Madonna De Rose ed il folto gruppo di sambisti napoletani, già presenti nel progetto Brasigna.

Non si sono tirati indietro neanche gli attori di cinema, teatro e tv, come Salvio Simeoli, Simona Capozzi, Cristina Parovel, Peppe Villa e Piermachiè. Naturalmente ci saranno tanti dj, come quelli di Vinyl Session e Daniele Tozzi.

Chi sarà presente? Chi si esibirà? Non mancheranno le sorprese tutte da scoprire su pagina ed evento FB di Contropaura. “E’ commovente come tutti gli artisti in questi mesi di chiusura abbiano creato nuovi pezzi di struggente bellezza. Molti sono adesso impegnati nelle registrazioni dei nuovi album” dicono gli organizzatori.

Le interviste agli organizzatori

Dicendo che siamo Contropaura non vogliamo sminuire il sacrificio di vite che la malattia sta portando con sé. Alle vittime e ad i loro familiari andrà il nostro primo commosso pensiero. Allo stesso tempo il nostro lavoro è far divertire le persone, creare aggregazione e condivisione dal vivo. E’ quello che faremo a piazza Dante il 25 Aprile. Vorremmo essere di sostegno soprattutto alle categorie che in questi giorni si sono mobilitate per rivendicare pacificamente il proprio diritto al lavoro ed alla libertà e ringraziare sentitamente la Questura di Napoli, che ci ha riconosciuto il diritto a manifestare” dichiara Nenne Martongelli, che mantiene i rapporti con le altre realtà attualmente in mobilitazione.

Rispetteremo le normative anti-covid, raccomandiamo a tutti di indossare la mascherina e mantenere il distanziamento fisico. Ma ciò non può impedire il diritto ad esprimere liberamente il proprio pensiero ed a manifestare per i propri diritti, perché garantiti dalla Costituzione” aggiunge Hassan Black, un nome, una garanzia per chi ama ballare “semplicemente ci riprenderemo quello spazio che il decreto legge ancora ci lascia e lo coloreremo di musica e sorrisi. La paura abbassa le difese immunitarie, congela il pensiero, impedendo di trovare soluzioni. Noi vogliamo esorcizzarla stando assieme in sicurezza. Dopo tanti mesi chiusi in casa ad aver paura del proprio vicino o parente, sarà una grande manifestazione in cui potremo scambiarci energie positive

La musica unisce” aggiunge Antonio Turco, per gli amanti del vinile Antù, “è troppo tempo che non si suona e che non si sta assieme. Il coprifuoco penalizza non solo un intero e composito settore economico, ma anche il tempo libero di chi lavora e può rilassarsi e coltivare le proprie passioni solo la sera. Saremo tutti sullo stesso piano, perché gli artisti, anche quelli più famosi, sono prima di tutto cittadini con gli stessi diritti e doveri degli altri. Anche loro, a cui va il nostro più grande ringraziamento per aver così generosamente aderito, hanno tanta voglia di divertirsi ed incontrare dal vivo il proprio pubblico”.

Napoli: Domenica a Piazza Dante la Festa della Liberazione dalla paura
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI