lunedì, Ottobre 25, 2021
HomeCronacaSciopero dei lavoratori di Zara: "La democrazia non va in saldo"

Sciopero dei lavoratori di Zara: “La democrazia non va in saldo”

Sciopero dei lavoratori di Zara al Vomero, i quali hanno indetto per questa mattina, giovedì 2 luglio, un sit in all’ingresso del negozio.

L’azienda evita il confronto con i lavoratori e loro si ribellano nel primo giorno di saldi, con un sit in programmato per giovedì mattina alle 11.  Si tratta di una iniziativa clamorosa e unica nel suo genere – raccontano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza – visto che faranno prima un sit in all’ingresso del locale indossando un braccialetto di protesta. I lavoratori denunciano l’azienda per atteggiamento anti sindacale. Per aver evitato il confronto con i loro rappresentanti. Si tratta di un evento storico che deve farci capire come stanno cambiando i tempi e anche i rapporti tra lavoratori, aziende e sindacati storici“.

 

Sciopero dei lavoratori di Zara: il volantino dei dipendenti

Diritto sindacale è un diritto costituzionale. Da più di un mese i lavoratori di Zara, attraverso l’organizzazione sindacale USB, tentano di aprire un confronto industriale costruttivo con la dirigenza della nota multinazionale. Ad oggi nessun riscontro. L’azienda, tuttavia, con un atteggiamento ben lontano dall’essere democratico, si confronta e decide le sorti dei lavoratori confrontandosi solo ed esclusivamente con organizzazioni sindacali che non hanno rappresentanza tra i dipendenti. Per questo protestiamo per ricordare al nostro datore di lavoro chela democrazia non va in saldo“.

 

Sciopero dei lavoratori di Zara: "La democrazia non va in saldo"

Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI