venerdì, Febbraio 23, 2024
HomeCronacaNatale con i poveri della Comunità di Sant'Egidio

Natale con i poveri della Comunità di Sant’Egidio

Anche quest’anno la Comunità di Sant’Egidio si riunisce a Napoli e in diversi luoghi della Campania per festeggiare il Natale.

Anziani soli, senza dimora, migranti, carcerati, bambini, disabili, rom, famiglie in difficoltà festeggeranno il Natale negli istituti, nelle carceri, nei campi rom e in alcune chiese. Italiani insieme a stranieri formeranno una famiglia più larga attorno alla quale stringersi. Per ognuno di loro ci sarà un posto a tavola, doni natalizi e il regalo più importante: la nostra amicizia.

Il 25 dicembre sono previsti diversi pranzi:

  • a Napoli nella chiesa di San Pietro martire a largo Bonghi con 200 poveri, dove parteciperà anche il Cardinale Sepe. Sempre a Napoli sono previsti pranzi per senza dimora e anziani nel Centro Storico nelle chiese dei Ss. Filippo e Giacomo e San Nicola al Nilo, mentre gli studenti della scuola di lingua e cultura italiana festeggeranno il Natale nella sede di San Nicola al Nilo.
  • a San Giovanni a Teduccio nella sede della Comunità con disabili famiglie povere rom e stranieri.
  • nella chiesa S. Maria Succurre Miseris ai Vergini con anziani soli, senza dimora e famiglie povere.
  • ad Aversa si riuniranno anziani, migranti, senza dimora e famiglie povere.
  • A Pozzuoli lo chef Gabriele Palma cucinerà per 40 senza fissa dimora nel Centro Caritas San Marco.

Cene itineranti per i senza dimora le sere della vigilia di Natale e di Capodanno

Pranzo della Vigilia a Scampia il 24 dicembre nella chiesa dei Padri Missionari della Divina Redenzione

Ancora sono previste durante le festività

  • Feste nei campi rom.
  • Pranzi e feste con i bambini delle scuole della pace nel Centro Storico, Ai Quartieri Spagnoli, alla Sanità, a Scampia, San Giovanni a Teduccio e Aversa.
  • Feste e pranzi nelle Rsa e negli istituti per anziani a Benevento, Salerno, Casoria, Villaricca, al Vomero, al Centro Storico, Ponticelli, Posillipo e Scampia.
  • Cene itineranti per i senza fissa dimora nelle sere del 24 e 31 dicembre e
  • Distribuzione delle calze al Dormitorio Pubblico il 6 gennaio.
  • Pranzi e feste con i migranti.
  • Pranzi nelle carceri a Poggioreale(2), Secongigliano(3), Pozzuoli, Santa Maria Capuavetere, Benevento, Arienzo, Pozzuoli con oltre 700 detenuti. Il 21 dicembre a Poggioreale ore 13 è possibile accedere alla Stampa.

In un tempo in cui aumentano povertà e solitudine, oltre 6000 poveri saranno coinvolti nei pranzi di Natale, nelle feste e nelle distribuzioni per strada. L’invito al Pranzo dà dignità a chi lo riceve: tutti sono chiamati per nome. E’ il segno di un’amicizia che dura tutto l’anno: tante visite che trasformano le giornate di chi vive in carcere, di chi è ricoverato in ospedale, in istituto o soffre di solitudine.

Tanti anche i volontari che da vari luoghi della Campania parteciperanno alle iniziative messe in campo durante il periodo natalizio.

Il Natale è una festa che porta luce e che porta gioia. Una luce che illumina tanti luoghi bui dell’esistenza umana, tanti luoghi di dolore. Il Natale è anche la festa della generosità, aggiungiamo un posto a tavola nei grandi pranzi ma aggiungiamo un posto per tutti nel nostro cuore.

Fabio Iuorio
Fabio Iuorio
Osservatore del sociale a 360°, amo scrivere e guardare Oltre Ho amato il ruolo di giornalista e speaker radiofonico fin da bambino, mi piace poter approfondire temi a sfondo sociale spesso ignorati dalla società moderna. Che dire, come si evince dal titolo della mia trasmissione ( Imagine - Il Mondo Che Vorrei ) … sono un eterno sognatore di un mondo come quello descritto da John Lennon in Imagine, un mondo dove non esistono discriminazioni e guerre, nulla per cui uccidere o morire.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI