A Lignano la prima spiaggia per soli gay: segnale di apertura o ghettizzazione?

La proposta, pensata per rilanciare il turismo nella località friulana, riceve il plauso del sindaco: “Bisogna essere aperti” afferma il primo cittadino. Ma l’idea promette di far discutere

Una spiaggia per soli gay a Lignano Sabbiadoro. È la proposta della società Four Tourism presentata per il rilancio turistico della località balneare del Friuli per conto del Consorzio Lignano Holiday e Lisagest che promette di far molto discutere durante questa estate 2014. Nel progetto presentato dalla società turistica, il litorale di Lignano Sabbiadoro dovrebbe offrire uno spazio beach pensato esclusivamente per omosessuali, bisessuali e transessuali, che resterebbe comunque aperto e accessibile a chiunque, non delimitato né da paletti né da recinzioni di alcun tipo.

Il sindaco: “Bisogna essere aperti”. La proposta per ora è solo su carta

Ma siamo sicuri che offrire a gay, lesbiche, transessuali e bisessuali uno spazio balneabile tutto per loro non sia un tentativo di discriminarli e ghettizzarli ulteriormente? Si attendono reazioni da parte della comunità Lgbt. Per ora il sindaco di Lignano, Luca Fanotto, si è espresso favorevolmente in merito alla proposta. “Dobbiamo essere aperti e cogliere ogni opportunità. Anche altre località in Italia e soprattutto in Spagna e nel resto d’Europa si sono già mosse in questo senso ottenendo ottimi risultati”. Il sindaco insomma plaude all’idea esprimendo parere favorevole. Le regioni “pioniere” in materia sono state la Toscana e la Puglia, da sempre considerate aperte e gay friendly. Per quanto riguarda LIgnano il progetto resta per ora sulla carta: staremo a vedere se e quando verrà realizzato.