Giorgio Napolitano: messaggio alle Camere sulla questione carceri

Considerare la necessità di un provvedimento di clemenza, di indulto e amnistia

di Redazione

Questa mattina il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha fatto recapitare ai presidenti della Camera e del Senato il messaggio relativo alla questione carceraria ai sensi dell’articolo 87 della Costituzione. La missiva è stata consegnata da Donato Marra segretario generale del Quirinale.
Il comunicato del Quirinale è il seguente: Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, avvalendosi della facoltà conferitagli dall’articolo 87, secondo comma, della Costituzione, ha inviato un messaggio alle Camere sulla questione carceraria. Il messaggio, controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, è stato inviato al Presidente del Senato, Pietro Grasso, e alla Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, dal Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Donato Marra.

Il messaggio sarà letto nelle Aule di Palazzo Madama e di Montecitorio questo pomeriggio verso le ore 16 dai presidenti delle Assemblee, Pietro Grasso per il Senato e Laura Boldrini per la Camera dei deputati.
Risulterebbe possibile la richiesta di un provvedimento di clemenza, in quanto in occasione della visita nel carcere Poggioreale di Napoli avvenuta lo scorso settembre, il Capo dello Stato aveva già preannunciato di aver richiesto al Parlamento di considerare “la necessità di un acquisire un provvedimento di clemenza, di indulto e amnistia”.

E’ dal 2002, quando Ciampi investì le Camere del tema della libertà di informazione, che il Parlamento non si pronunciava su di un messaggio presidenziale. Questo di oggi infatti è il primo messaggio per il presidente Napolitano, che a pochi mesi dalla sua rielezione al Quirinale ha deciso di inviare al dibattito parlamentare un messaggio sul tema del sovraffollamento delle prigioni e del conseguente bisogno di un provvedimento di amnistia o di indulto.

8 Ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.