Coronavirus, de Magistris: “4 maggio data realistica per la fase 2”

Emergenza Coronavirus, il primo cittadino napoletano: “Prolungare oltre 2 mesi renderebbe la situazione drammatica”

Emergenza Coronavirus, il primo cittadino napoletano: “Prolungare oltre 2 mesi renderebbe la situazione drammatica”

Una data realistica per avviare una riapertura graduale “può essere quella del 4 maggio” anche se “ce la devono dire soprattutto le autorità sanitarie competenti“. A dirlo è il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, alla trasmissione radiofonica “Centocittà”, in onda su Rai Radio 1. Per l’ex magistrato “prolungare questi arresti domiciliari oltre i due mesi renderebbe la situazione drammatica“.

Coronavirus, de Magistris: “bisogna fare uno sforzo per Pasqua e il 25 aprile”

Bisogna capire che sarà fondamentale fare uno sforzo per le prossime festività di Pasqua ed il 25 aprile. In caso contrario tutto quello che è stato fatto sarà vanificato“. Così il primo cittadino partenopeo. “Qui a Napoli abbiamo compiuto un atto senza precedenti, da economia di guerra, invece da parte dello Stato non vedo un vero coraggio da economia di guerra. – continua – Noi comuni siamo stati lasciati a mani nude ma combattiamo lo stesso. Se il governo non interviene entro fine aprile con una manovra per i Comuni salteranno nelle città i servizi ordinari: dall’illuminazione alla raccolta dei rifiuti. Noi sindaci lanciamo l’allarme perché sappiamo che è così“.

Il basso caso di numeri registrati a Napoli, secondo de Magistris, è dovuto a diversi fattori “tra questi rientra la prontezza che ho avuto nel chiudere le scuole anticipando le disposizioni del Governo. D’altra parte, la Regione Campania è quella in cui sono stati effettuati meno tamponi. L’emergenza sanitaria è la priorità, ma attenzione a non aspettare troppo a programmare il dopo, perché rischia di configurarsi anche un dramma sociale ed economico” conclude.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *