domenica, Giugno 13, 2021
HomeCronacaVoragine nel Napoletano, precipita all'interno un camion dei rifiuti

Voragine nel Napoletano, precipita all’interno un camion dei rifiuti

Un camion dei rifiuti è precipitato in una grossa voragine nel Napoletano. Sgomberati sette palazzi e interruzione di acqua ed energia elettrice nella zona

Una grossa voragine sta interessando la zona antistante la Basilica di San Mauro in Largo San Mauro, a Casoria, in provincia di Napoli. Larga e profonda decine di metri, nella voragine è precipitato un compattatore di rifiuti: l’autista, recuperato dai vigili del fuoco, è al momento in ospedale per accertamenti. La strada è stata chiusa al traffico e transennata: sette i palazzi sgomberati e interruzione di acqua ed energia elettrica nella zona. Secondo quanto riferito dai presenti, nell’area si è sentito un forte odore di gas.

 

Voragine nel Napoletano, sgomberati sette palazzi

Stamattina purtroppo un grave incidente nel centro storico ha coinvolto un auto compattatore di Casoriambiente, sono sul luogo e fortunatamente nessuna conseguenza grave per i dipendenti.  Adesso con l’ufficio tecnico, i vigili del fuoco ed i vigili urbani, stiamo valutando il da farsi, nelle prossime ore vi aggiornerò sui provvedimenti adottati“. Lo scrive su Facebook il sindaco di Casoria (Napoli), Raffaele Bene. Nel suo comune stamattina si è aperta una grossa voragine all’interno della quale è precipitato un camion dei rifiuti. Una tubazione del gas rotta ed evacuate precauzionalmente 15 persone dalle abitazioni: è il primissimo bilancio dei vigili del fuoco in seguito alla grossa voragine che si è aperta stamattina nel Comune di Casoria (Napoli). L’intervento è in corso dall’alba: tratto in salvo e senza gravi conseguenze l’autista del camion dei rifiuti precipitato all’interno del baratro.

Voragine nel Napoletano, precipita all'interno un camion dei rifiuti
Gabriella Monaco
Laureata in 'Lettere Moderne', appassionata di Scrittura e Arte in ogni loro forma. Con il cuore diviso per il 33% a Napoli, il 33% in Sicilia, il 33% in Francia... L'altro 1% prima o poi dovrò decidermi a cercarlo...
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ARTICOLI RECENTI