sabato, Luglio 2, 2022
HomeSerie TvStranger Things 4, Netflix aggiunge un 'Avvertimento' dopo la sparatoria in Texas

Stranger Things 4, Netflix aggiunge un ‘Avvertimento’ dopo la sparatoria in Texas

In seguito alla sparatoria, il servizio streaming ha aggiunto un avvertimento per i fan prima di intraprendere la visione dei nuovi episodi di Stranger Things

La quarta stagione di Stranger Things arriva oggi su Netflix, con un’aggiunta importante dopo i fatti recentemente accaduti in Texas. In seguito alla sparatoria, il servizio streaming, ha infatti aggiunto un avvertimento per i fan prima di intraprendere la visione dei nuovi episodi.

“Abbiamo girato questa stagione di Stranger Things un anno fa”, recita la scheda di avvertimento, come riportato dal sito statunitense, TVLine. “Ma data la recente tragica sparatoria in una scuola del Texas, gli spettatori potrebbero trovare angosciante la scena di apertura dell’episodio 1. Siamo profondamente rattristati da questa violenza indicibile e il nostro cuore è rivolto a ogni famiglia che piange una persona cara”. L’episodio riceverà anche un avviso di contenuto per “violenza grafica che coinvolge bambini” e “immagini inquietanti”.

La sequenza in questione è stata già rilasciata online nei giorni scorsi con gli otto minuti che aprono la quarta stagione di Stranger Things.

LEGGI ANCHE: Stranger Things, rilasciati i primi 8 minuti della quarta stagione – VIDEO

Intanto, la quarta stagione di Stranger Things è giunta su Netflix da questa mattina alle ore 9.00. Cosa succederà nei nuovi episodi?

Mentre affrontano le conseguenze di quanto successo i nostri amici si separano per la prima volta, e le difficoltà del liceo non facilitano le cose. In questo periodo particolarmente vulnerabile arriva una nuova e orribile minaccia soprannaturale assieme a un mistero cruento che, una volta risolto, potrebbe mettere fine agli orrori del Sottosopra.

 

Gabriella Monaco
Laureata in 'Lettere Moderne', appassionata di Scrittura e Arte in ogni loro forma. Con il cuore diviso per il 33% a Napoli, il 33% in Sicilia, il 33% in Francia... L'altro 1% prima o poi dovrò decidermi a cercarlo...
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI