martedì, Gennaio 31, 2023
HomePoliticaSi chiude la prima giornata della Direzione Nazionale di Meritocrazia Italia

Si chiude la prima giornata della Direzione Nazionale di Meritocrazia Italia

Tra i temi affrontati nel corso della prima giornata della Direzione Nazionale dell’Associazione Meritocrazia Italia: formazione, merito, Pnrr, giustizia e riforma della Legge elettorale.

Si conclude la prima giornata della Direzione Nazionale dell’Associazione Meritocrazia Italia. La dirigenza del Movimento si è riunita presso la sala congressi dell’Hotel de la Ville di Avellino per fare il punto sullo stato dei lavori e definire le linee programmatiche di attuazione della Mozione approvata all’esito del quarto Congresso nazionale. L’evento, trasmesso in streaming sui canali social, ha avuto largo seguito, riportando migliaia di visualizzazioni. Tantissimi anche gli ospiti presenti in sala. La platea è stata accolta dai saluti istituzionali del Sindaco di Avellino, Gianluca Festa, e del Consigliere Regionale MI Campania, Giuseppe Cataldo, il quale ha avuto modo di riportare l’attenzione sulle drammatiche iniquità che caratterizzano l’intero territorio nazionale e sulla necessità di rivedere il sistema di autonomie differenziate, specie in ambito sanitario. Il dibattito è stato introdotto e moderato del Presidente Nazionale di Meritocrazia Italia, Walter Mauriello, con la partecipazione del presentatore di TV Lazio Andrea Fragasso.

Il Presidente nazionale ha condotto la discussione sui temi più delicati del momento, dalla necessità di rivedere il sistema fiscale, con l’istituzione di una Agenzia delle Uscite, alla rivisitazione del sistema processuale, specie risolvendo l’annoso problema dei conflitti di giurisdizione, all’opportunità di comporre un Testo unico per la regolazione della gestione delle piattaforme social. Tutte proposte già avanzate da Meritocrazia. “I politici spesso finiscono per dire sempre le stesse cose- dice Mauriello – Siamo cittadini incudine, sia in Italia che in Europa. L’unica battaglia che oggi vale la pena di combattere è quella della cittadinanza attiva, da affrontare con le armi delle idee e della leale cooperazione. Dobbiamo creare uno Stato in grado di dare risposte concrete, senza l’alibi dell’ipocrisia. Questa è la missione di Meritocrazia Italia”.

Hanno preso la parola l’ing. Renato Ciampa, esperto in tutela ambientale, che ha affrontato il problema dei ritardi nell’attuazione del PNRR; Antonella Gallardo, Ministra MI Politiche del Lavoro e Inclusione, che ha presentato i lavori dei gruppi di studio del Movimento; l’ing. Coviello, direttore del Giornale Vipiù, intervenendo sui problemi esistenti nei rapporti tra banche controllate e controllanti; Paolo Patrizio, Capo Gabinetto MI, che ha illustrato la Petizione promossa dal Movimento per la realizzazione della Riforma Elettorale; Nicolina Improda, Ministra MI Pnrr e T.U. Social, che ha evidenziato le criticità che sono sorte in merito all’impiego delle risorse del Pnrr.

Ha dato un importante contributo al dibattito, in collegamento streaming, anche Diego Fusaro, noto filosofo, saggista e opinionista, il quale, intervistato sulle recenti critiche che hanno investito la nuova denominazione del Ministero dell’Istruzione e del Merito, ha affermato che sull’utilizzo della parola ‘merito’ dovrebbe convergere il consenso comune, poiché “per premiarlo occorre fare ricorso ad un serio lavoro culturale per il nostro Paese, ancora l’ultimo in Europa sulla tematica”. È intervenuto Francesco Del Deo, Sindaco di Forio di Ischia, al quale Meritocrazia ha rinnovato la solidarietà del Movimento per la recente tragedia che ha colpito l’isola. Infine, ancora in collegamento streaming, ha preso la parola l’onorevole Vittorio Sgarbi, affermando che “il merito è l’unica possibilità per chi parte socialmente svantaggiato. Pensare che il merito sia un privilegio non è esatto. Il merito prescinde dalle condizioni sociali”.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI