Scienza, pseudoscienza e truffe

“E’ Vero…?” Filo diretto con la ricerca

Rubrica settimanale di Paola Dama

“Scienza&Napoli” 

Giugliano, 10 Luglio 2013

L’evento Scienza&Napoli ( il primo di una serie di incontri della pagina facebook Guida alla Divulgazione scientifica su fb ) tenutosi lo scorso 10 luglio a Giugliano nella sede HUBspa, ho riscosso un discreto successo di pubblico via streaming, ma ancora più importante è stato l’aver portato finalmente interesse verso alcune tematiche che riteniamo siano di comune interesse.

Continueremo con gli incontri sulla corretta informazione scientifica, il prossimo si terrà in autunno.

Riproponiamo gli interventi dei relatori e dei mediatori intervenuti.

Professore di AstrofisicaDipartimento di Fisica. Università Federico IIPolo delle Scienze e della Tecnologia, Monte Sant'AngeloNapoli
Professore di Astrofisica
Dipartimento di Fisica. Università Federico II
Polo delle Scienze e della Tecnologia, Monte Sant’Angelo
Napoli

L’argomento di questa settimana è stato trattato dal prof. Giuseppe Longo, astrofico, professore all’Università di Napoli,  di cui proponiamo il video.

In sintesi, l’intervento che è risultato ai molti molto interessante, spiega i meccanismi secondo i quali è facile cadere nella “trappola della disinformazione” e ci spiega con parole semplici perchè è possibile che tutto questo accada.

Chi segue questa rubrica, oramai ha imparato a riconoscerne la mission. L’ambizione è quella di portare a tutti un po’ di chiarezza in ambito scientifico, alla luce di quanto viene da più parti divulgato in maniera scorretta.

Possiamo affermare che nella ricerca scientifica si crede ancora.

La maggior parte delle persone associano alla scienza un grado di verità che non associano ad altre cose. Provate infatti a chiedere  se si crede nella politica.  Sulla base di ciò, se ci riferiamo ad interessi economici,certificare con dati scientifici la qualità di un prodotto, è il modo comune per incrementarne i profitti.

E purtroppo questo può portare alla nascita di veri e propri orrori.

Quando si parla di frode scientifica ci sono diversi attori in gioco, innanzitutto quelli che spacciano per scientifico qualcosa che non lo è e che possono essere definiti come dei veri e propri truffatori, poi il sistema che non fornisce alle persone gli elementi critici per poter discriminare ed in ultimo molto probabilmente anche nel mondo accademico possiamo immaginare una qualche complicità.

La scienza non dice mai che qualcosa è assolutamente vero e questo è il dogma che viene usato dai truffatori.

Per la scienza esistono delle teorie che in quel momento non sono contraddette dai fatti. L’unica cosa di cui si può avere certezza è quando la scienza certifica la falsità di qualcosa.

 L’atteggiamento dei media e del pubblico at large 

Qui di seguito elenchiamo una serie di punti su cui i truffatori basano le proprie false teorie

  • L’establishment scientifico è conservatore e si oppone a cambiamenti drastici o a “strade alternative”

Un fatto nuovo non può essere nascosto… e nessuno può impedire ad un giovane ricercatore, o ad un gruppo, di occuparsene

  • Una nuova teoria non viene accettata dalla comunità scientifiche se scardina teorie preesistenti e condivise

Una scoperta rivoluzionaria è foriera di posizioni permanenti, di riconoscimenti e premi, e di fama internazionale anche a livello nazionale

  • Non accetta contributi da persone esterne alla comunità

La storia dimostra che quando un fatto è potenzialmente rivoluzionario la scienza non solo se ne occupa, ma fa della sua verifica una priorità assoluta

Concludiamo con un invito a riflettere.

 

Paola Dama, Ph D
Comprehensive Cancer Center
Ohio State University

Ai seguenti link gli articoli precedenti della rubrica

 

 

Intervista Giugno 12, 2013

http://www.roadtvitalia.it/paola-dama-columbus-ohio-ricercatrice-napoli/

Numero zero Giugno 24, 2013

“E’ Vero…?” Filo diretto con la ricerca

Numero uno Luglio 1, 2013

La causa principale del cancro e la sua falsa storia su fb

Numero due Luglio 8, 2013

Il Nesso di Causalità ed i Ministri

Inchieste Luglio 8, 2013

“Possibile che la cura per il Cancro esista, ma sia tenuta nascosta?” Rispondono i napoletani… (VIDEO)

Evento Luglio 9, 2013

Scienza & Napoli, evento (VIDEO)

Numero tre Luglio 14, 2013

Il Maltolo, molecola anti-tumorale, il giornalista ed il ricercatore

Numero quattro Luglio 22, 2013

Medici e chemioterapia

Numero cinque Luglio 29, 2013

L’etica della ricerca e della divulgazione

Numero sei Agosto 5, 2013

La Graviola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *