San Gennaro: si accendono le luminarie in via Duomo

Le parole del presidente della Camera di Commercio, Ciro Fiola, che danno il via all’illuminazione di via Duomo per i festeggiamenti di San Gennaro

Le parole del presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola, che danno il via all’illuminazione di via Duomo per i festeggiamenti di San Gennaro

Una promessa mantenuta. Per il secondo anno illuminiamo via Duomo, ma stavolta ci allarghiamo anche su Forcella e via San Biagio dei Librai. L’anno prossimo faremo ancora di piu’ . Via Duomo sta lentamente riprendendo la sua vita e sta cambiando volto. Oggi dobbiamo fare in modo che diventi la strada del culto e della religione, con turisti che devono trovare ospitalita’ e occasioni di commercio. Ma aggiungo anche che entro martedi’ presenteremo la gara europea per “Illuminiamo Napoli” perche’ il territorio di Napoli ha bisogno di questo. Ha bisogno delle istituzioni per far vivere la citta’ in un modo diverso. Partiremo dalle 6 rotonde di Scampia, da strade di Barra, San Giovanni e Ponticelli. Insomma, partiremo dalle periferie per arrivare al centro della citta’ “.

Con queste parole il presidente della Camera di Commercio di Napoli, Ciro Fiola, ha simbolicamente dato il via venerdì all’illuminazione di via Duomo per i festeggiamenti di San Gennaro. Iniziativa dell’ente camerale che per il secondo anno ha voluto dare una testimonianza fattiva con il supporto dell’azienda speciale SiImpresa. Con Fiola l’Arcivescovo di Napoli, il Cardinale Crescenzio Sepe ha simbolicamente premuto il pulsante dell’accensione. “La luce indica sempre un cammino che dobbiamo percorrere e la luce porta anche serenita’ allegria e gioia – ha affermato l’Arcivescovo –. Questo gesto che ormai sta diventando tradizionale, attesa anche la generosita’ della Camera di Commercio di Napoli, diventa un segno di speranza per tutti. San gennaro e’ vivo, con il suo sangue e con la luce che promana dal suo insegnamento e dal suo martirio. E i napoletani vedono in queste luci l’espressione della devozione popolare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *