mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeSportNapoli-Inter 0-3, l'abdicazione definitiva degli azzurri al trono di campioni d'Italia

Napoli-Inter 0-3, l’abdicazione definitiva degli azzurri al trono di campioni d’Italia

Allo Stadio Maradona, l’Inter batte il Napoli 3-0 nella 14esima giornata di Serie A e torna in testa al campionato.

L’Inter passa al ‘Maradona’ (3-0) e si riprende la testa della classifica lasciata solo per 24 ore alla Juventus. Il Napoli viene punito al termine di una partita che probabilmente è la migliore disputata in questa stagione. La squadra di Mazzarri è in vena e mette in difficoltà più volte gli avversari che si salvano in diverse occasioni grazie a strepitose parate di Sommer. Gli azzurri, peraltro, contestano le decisioni di Massa in occasione del primo gol dell’Inter e della mancata concessione di un calcio di rigore per un fallo di Acerbi su Osimhen quando il risultato era fermo sull 1-0 per l’Inter. L’Inter è spietata e sfrutta cinicamente la sua maggior determinazione e lucidità sotto la porta avversaria e mostra chiaramente il piglio della capolista che riesce a raccogliere il massimo nelle situazioni. Il Napoli parte molto bene e dopo due minuti di gioco sfiora il gol con una conclusione potentissima dalla distanza di Elmas che Sommer sventa con un gran colpo di reni, deviando in calcio d’angolo il pallone. L’Inter segna un gol con Thuram, lanciato di Lautaro Martinez, annullato per un fuorigioco millimetrico. Poi è ancora il Napoli a sfiorare per due volte la marcatura con conclusioni da fuori area di rigore di Politano che in un primo caso colpisce la traversa della porta di Sommer e poco dopo conclude alto. La partita si gioca a folate con continui ribaltamenti di fronte.

L’Inter sembra avere qualche difficoltà in più dell’avversaria nel gioco di difesa, soprattutto quando gli azzurri attaccano da destra sfruttando i dialoghi tra Politano e Di Lorenzo e le sovrapposizioni profonde di quest’ultimo. I problemi per la squadra di Simone Inzaghi vengono accentuati dall’uscita per infortunio di De Vrij al 18′ il quale viene sostituito per mancanza di rincalzi difensivi da Carlos Augusto che deve adattarsi come esterno di sinistra della difesa a tre. L’Inter va in vantaggio al 43′ con un gol duramente contestato dal Napoli perché l’azione dei nerazzurri, a giudizio degli avversari, parte da un fallo di Lautaro Martinez a centrocampo su Lobotka. Sullo sviluppo dell’azione Barelli serve ai limiti dell’area di rigore Calhanoglu la cui potentissima conclusione manda il pallone in fondo alla rete. Nel secondo tempo il Napoli parte a tutta velocità alla ricerca del pareggio. Al 12′ c’è un episodio importante.

Osimhen è toccato in area di rigore da Acerbi ma l’arbitro Massa non fischia il rigore. Sul prosieguo dell’azione Kvaratskhelia conclude da sinistra e Sommer compie un nuovo miracolo deviando in calcio d’angolo. Trascorrono 4′ e l’Inter raddoppia. Lautaro Martinez trova in area di rigore Barella il quale supera con un gioco di prestigio Ostigard e Natan e batte Meret. Il destino della gara a questo punto è segnato. Mazzarri con i cambi tenta il tutto per tutto, inserendo Raspadori e Lindstrom, ma l’Inter controlla senza problemi il gioco. La squadra di Inzaghi arrotonda ancor di più il punteggio al 39′. Cuadrado piazza a centro area un rasoterra che Thuram, inseritosi con perfetto tempismo, devia alle spalle di Meret. Finisce con l’Inter che si rilancia in vetta e con il Napoli alla quarta sconfitta in casa in sette partite. Un bilancio che deve sicuramente far riflettere Mazzarri.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI