Il messaggio del principe Carlo di Borbone per Pino Daniele

Ecco il testo del toccante messaggio del principe Carlo di Borbone per Pino Daniele: “Ha saputo interpretare i chiaroscuri della nostra città”

Sono tanti i messaggi di lutto arrivati in questi giorni in seguito alla scomparsa di Pino Daniele, il cantautore che ha portato Napoli e la sua musica nel mondo. Tra i tanti colpisce quello del principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, primo aspirante al trono del Regno delle Due Sicilie e ufficialmente considerato dai neoborbonici capo della Real Casa, che, in un momento di estremo cordoglio per l’intera città di Napoli, ha sentito l’esigenza di abbracciare tutti i napoletani manifestando il proprio dolore per la scomparsa dell’artista con un messaggio toccante.

Guarda: Pino Daniele Napoli saluta il suo poeta (TUTTI I VIDEO)

Tifosi napoletani cantano Napule è (VIDEO)

Ecco il testo del messaggio del principe Carlo di Borbone per Pino Daniele

“Sono tante le persone che hanno reso la nostra Napoli la capitale della cultura musicale, poetica e teatrale in tutto il mondo e, quando le persone mancano, affiorano di loro i ricordi più positivi: il passato torna ad illuminare il presente. Una nostalgia inevitabile, soprattutto se a farla riemergere sono persone che hanno gridato a gran voce i sentimenti ed i valori etici, che oggi rappresentano la vera crisi della nostra società. Era il 1977 quando le dolci note di ‘Napule è’ riscaldavano i cuori di tutti, di allora e di oggi. Decine di migliaia di persone, presenti in Piazza del Plebiscito, le hanno cantate per dare l’ultimo saluto al grande Pino Daniele, considerato uno di loro, nella cerimonia officiata dal Cardinale Crescenzio Sepe.

Carlo di Borbone: “Pino Daniele interprete dell’animo dei napoletani”

“Un legame molto forte è quello che unisce la città di Napoli all’artista che ha saputo interpretare l’animo napoletano leggendo e descrivendo poeticamente i chiaroscuri della nostra città, le tante cose belle, ma anche una facciata sporcata da tante situazioni, che purtroppo non fanno emergere la bellezza culturale e civile di questa metropoli. Ringrazio personalmente e a nome della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie e del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, del quale sono Gran Maestro, tutti coloro che, grazie alla loro poesia e alla loro arte hanno reso omaggio alla cultura partenopea in ogni piccolo angolo del mondo: dai De Filippo a Totò, da Massimo Troisi a Pino Daniele”.