domenica, Maggio 22, 2022
HomeCulturaMaggio dei Monumenti 2022, a Napoli un week end di passeggiate

Maggio dei Monumenti 2022, a Napoli un week end di passeggiate

Il Maggio dei Monumenti 2022 prende il via a Napoli con un week end di passeggiate interculturali e visite guidate

A Napoli il Maggio dei Monumenti 2022 prende il via con un week end di passeggiate interculturali e visite guidate: da venerdì 13 a domenica 15 maggio sono nove gli appuntamenti proposti da Muraria, il programma di eventi ispirato ad una visione che capovolge il concetto di muro, da simbolo di divisione a simbolo di unione. L’incontro e l’integrazione di culture differenti sarà il tema di due tour che vedranno protagoniste comunità di origine straniera residenti a Napoli.

Venerdì 13 alle 17 la narratrice di origini ucraine Yuliya Sanchenko condurrà napoletani e turisti lungo via Tribunali, seguendo un itinerario che toccherà, tra gli altri siti, la Chiesa di S. Maria della Pace, che oggi ospita gli ucraini di rito bizantino, e il laboratorio Avventura di Latta, dove rifugiati di diverse nazionalità realizzano oggetti di design. La passeggiata si concluderà nel centro interculturale giovanile Officine Gomitoli di Dedalus, con una performance musicale di Maurizio Capone.

LEGGI ANCHE: Napoli, il festival di street art protagonista al ‘Maggio dei Monumenti’

Domenica 15 maggio alle 10.30, invece, l’identità plurale della città sarà evocata dai mediatori culturali Pierre Preira e Andreina Lopes Pinto: a loro il compito di guidare una passeggiata con degustazioni alla scoperta delle diverse tradizioni gastronomiche presenti nell’area di piazza Garibaldi.

“Napoli è una città storicamente multietnica” ha dichiarato il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi. “Il Maggio dei Monumenti sarà l’occasione per rafforzare il legame culturale con le tante comunità straniere presenti sul nostro territorio”.

Tra i siti che potranno essere visitati gratuitamente dalle 10.00, la chiesa di S. Anna alle Paludi, sita a corso Arnaldo Lucci, con il trittico cinquecentesco di Andrea da Salerno che adorna l’altare maggiore, e le Terme Romane di via Terracina, complesso risalente alla prima metà del II sec. d.C. nel suo impianto originario. “Il nostro obiettivo è ampliare il circuito turistico cittadino, estendendolo oltre il centro storico con la valorizzazione di siti di grande interesse ancora poco noti” ha aggiunto Manfredi.

Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI