domenica, Maggio 9, 2021
HomeSportCalcioLa Juve vince e festeggia l'approdo in finale di Champions gridando "Napoli...

La Juve vince e festeggia l’approdo in finale di Champions gridando “Napoli Merda”

E’ polemica sui festeggiamenti juventini dopo la qualificazione alla finale di Champions League trovata ieri ai danni del Real Madrid. In un video postato su Facebook, dal portiere Storari, ex calciatore del Napoli tra l’altro, al minuto 0.11 a qualcuno è parso si sentire urlare “Napoli Merda”. Il video con la frase incriminata a fatto il giro del web in pochissimo tempo e i tifosi del napoli sono giustamente infuriati, anche se c’è qualcuno che parla di Fake, un falso.

“Napoli Merda”: intervenuto il legale Angelo Pisani

Visto il video, si è subito messo a lavoro il legale Angelo Pisani, che non ha intenzione di perdere tempo: “Sporgeremo immediatamente querela contro quegli spregevoli juventini che, invece di festeggiare pacificamente, si abbandonano ad un ignobile turpiloquio contro Napoli. Un’inciviltà che si commenta da sola, ma questo non basta: anche per evitare che si continui impunemente a soffiare sul fuoco dell’odio e della violenza, sporgeremo immediatamente querela e collaboreremo con l’Autorità penale per individuare e punire i colpevoli“.

“Napoli Merda”: video tolto

Intanto Marco Storari infiamma ancora di più le polemiche, togliendo e ricaricando il video tagliato al secondo 0.07. Un’azione che probabilmente toglie ogni dubbio, forse quella frase è stata effettivamente detta. Storari così facendo si è fatto un autogol da solo insomma, perchè dopo tutto, quel “Napoli Merda” non è poi tanto chiaro all’udito. Ora vi lasciamo al video originale, dove al presunto secondo 0.11 si sentirebbe qualcuno gridare “Napoli Merda”, giudicate voi…

Francesco Healy
Ho sempre odiato, sin dalla nascita, le bugie e le ingiustizie, dunque da grande avevo solo due strade da poter percorrere, quella del detective o del giornalista, ho scelto la seconda e il potere della penna, da sempre affascinato da tale professione.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI