Inceneritore Giugliano, due associazioni di imprese partecipano alla gara d’appalto

Ci sono due offerte per la gara d’appalto per l’inceneritore a Giugliano

di Redazione

Le proteste nella Terra dei Fuochi vanno avanti, ma neppure la gara d’appalto per la costruzione dell’inceneritore a Giugliano arresta la sua corsa. Nonostante la richiesta dei comitati di revocare il bando, la gara si è chiusa ieri come da regolamento e vi sono due offerte, che saranno al vaglio già da lunedì.

Si tratta di due associazioni temporanee di imprese che si sono candidate per realizzare e gestire l’inceneritore a Giugliano: sono capofila la A2A, che gestisce anche il termovalorizzatore di Acerra, e Astaldi. La zona individuata per la costruzione dell’impianto sarebbe, per ora, Torre Cainati. Dopo l’analisi delle proposte e dei progetti, il commissario incaricato di gestire la gara, il docente universitario di Ingegneria Alberto Carotenuto, incontrerà le imprese e la gara d’appalto sarà ufficialmente partita.

Intanto l’onda ribelle continua e questa mattina ha investito anche Qualiano, il comune geograficamente più vicino all’area dell’inceneritore.

12 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.