mercoledì, Settembre 28, 2022
HomeAttualitàDa Harvard il test covid che dice tutto, anche il tipo di...

Da Harvard il test covid che dice tutto, anche il tipo di variante

I ricercatori dell’Università di Harvard hanno messo a punto un dispositivo in grado di rilevare la presenza di Rna virale e anticorpi contro il Covid

I ricercatori dell’Università di Harvard hanno messo a punto un nuovo dispositivo diagnostico in grado di rilevare dalla saliva di un paziente contemporaneamente la presenza di Rna virale e anticorpi contro il Sars-CoV-2. “Questa diagnostica può consentire un monitoraggio più sostenibile dell’infezione e dell’immunità nelle popolazioni nel tempo, a livelli di accuratezza paragonabili ai costosi test di laboratorio”, afferma la co-autrice Devora Najjar, giovane ricercatrice presso il MIT Media Lab e il Wyss Institute di Harward.

“Un tale approccio potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e anche fornire informazioni sul trattamento più adatto”. Il dispositivo, sotto forma di prototipo, è descritto in un nuovo articolo pubblicato su “Nature Biomedical Engineering”.

La diagnostica è nata da una collaborazione tra i laboratori delle due tecnologie eRapid e Sherlock. Gli esperti hanno riconosciuto che mentre la diagnostica basata su Sherlock può rilevare molecole con una sensibilità elevata, erano intrinsecamente limitate dal loro sistema di lettura basato sulla fluorescenza.

I ricercatori hanno cercato un modo per tradurre il rilevamento molecolare di un sistema basato sulla tecnica Crispr come Sherlock in un segnale elettrochimico come quello prodotto da eRapid, allo scopo di creare una diagnostica con precisione a livello di laboratorio che poteva essere utilizzata in un ambiente esterno al laboratorio.

Hanno iniziato a costruire questo dispositivo ibrido e hanno scelto la malattia di Lyme come applicazione target. Nel giro di pochi mesi, l’hanno fatto funzionare. Poi è arrivata la pandemia di Covid-19. “All’inizio, tutti stavano lavorando allo sviluppo di una diagnostica in grado di rilevare il virus Sars-CoV-2 o gli anticorpi contro di esso, ma non entrambi.

Sapevamo di poter rilevare con successo la presenza di molecole di Dna e Rna elettrochimicamente, grazie al nostro lavoro sulla malattia di Lyme. Abbiamo deciso di capire come eseguire il multiplexing con il rilevamento degli anticorpi al fine di creare un test all-in-one per aiutare a monitorare le infezioni e combattere la pandemia”, spiega de Puig, primo autore dell’articolo.

Ma creare una piattaforma in grado di integrare il rilevamento dell’Rna virale e delle proteine umane è stata una sfida. Il team ha dovuto capire come eseguire due tipi di reazioni molecolari separate e molto diverse; quindi, integrarle in un unico sistema di reporting in modo che i risultati potessero essere letti contemporaneamente.

“Sono molto orgoglioso che questi team si siano uniti durante una crisi globale che ha bloccato la maggior parte delle attività di ricerca e abbia creato qualcosa di nuovo e utile che offre grandi promesse per la diagnosi e la gestione di un’ampia gamma di malattie in tutto il mondo”, conclude il co-autore senior Ingber, che è anche il Judah Folkman Professor of Vascular Biology presso la Harvard Medical.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI