Guida Michelin, Napoli in vetta con 28 ristoranti

L’annuncio di Marco Do, direttore comunicazione della Guida Michelin Italia 2021, nel corso della presentazione della 66esima edizione

L’annuncio di Marco Do, direttore comunicazione della Guida Michelin Italia 2021, nel corso della presentazione della 66esima edizione

Tutti gli undici ristoranti tre stelle hanno confermato anche quest’anno la terza stella“. Lo ha annunciato Marco Do, direttore comunicazione della Guida Michelin Italia 2021, nel corso della presentazione della 66esima edizione. L’evento, trasmesso in live streaming, è stato condotto da Petra Loreggian con la partecipazione di Federica Pellegrini che, in qualità di Ambassador Michelin, ha annunciato i nomi dei 13 chef ai quali è stato assegnato il simbolo della sostenibilità, la “stella” verde. Tra le 29 le novità stellate che hanno delineato un nuovo firmamento in tredici regioni della penisola, figurano 3 new entry 2 stelle e 26 novità 1 stella, per un totale di 371 ristoranti stellati.

Le conferme sono per Da Vittorio a Brusaporto (BG), Piazza Duomo ad Alba (CN), St. Hubertus a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Enoteca Pinchiorri a Firenze, Osteria Francescana a Modena, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN) e Enrico Bartolini al MUDEC a Milano. Sono 26 i ristoranti a una stella, di cui cinque nuove in Toscana: Jasmine (conferma), Don Alfonso 1890, Relais Blu, Re santi e leoni, Lorelei, Osteria del povero diavolo, Zia, Essenza, Aalto, Piano 35, Poggio Rosso, Amista’, La Cru’, Gabbiano 3.0, Vecchio Ristoro, Impronta d’acqua, Sala dei Grappoli, Kitchen, Borgo Sant’Anna, Casa Sgarra, Franco Mare, Linfa, Peter Brunel Restaurant Gourmet, Prezioso, Senso Alfio Ghezzi Mart, Sanbrite. Si aggiudicano la seconda Stella Michelin, Rocco De Santis, ristorante Santa Elisabetta a Firenze, e ristorante D’O di San Pietro Oldani, Marco Metullo, ristorante Harri’s Piccolo a Trieste. La Lombardia rimane la regione piu’ stellata, con 3 novita’: 59 ristoranti (33 stelle 62 stelle 511 stella). Il Piemonte, con 2 novità, è sempre in seconda posizione, con 46 ristoranti (13 stelle 42 stelle 411 stella), mentre la Campania, con 3 novità, si colloca al terzo posto del podio, con 44 ristoranti, (62 stelle 381 stella). A seguire, la Toscana è la regione più ricca di novità (6) per un totale di 43 ristoranti (13 stelle 52 stelle 361 stella) e, infine, il Veneto, a quota 37, con due novita’ (13 stelle 42 stelle 321 stella).

Tra le province, Napoli è sempre in vetta con 28 ristoranti (62 stelle 221 stella), Roma conferma la seconda posizione con 23 (13 stelle 12 stelle 211 stella). Milano, scivola dal terzo al quinto posto con 17 ristoranti (13 stelle 42 stelle 121 stella), alle spalle di Bolzano con 20 (13 stelle 32 stelle 161 stella) e Cuneo a quota 19 (13 stelle 22 stelle 161 stella). Matteo Circella, del ristorante la Brinca, Ne (Genova) ha vinto il premio speciale Michelin Sommelier 2021 offerto dal Consorzio dei Vini Brunello di Montalcino. A vincere il premio Giovane Chef offerto da Lavazza è Antonio Ziantoni, ristorante Zia a Roma. “Questo premio deve sottolineare il connubio tra tradizione e innovazione, è un premio per Antonio, per la sua passione” ha detto Marco Lavazza presidente Lavazza Group “il mondo della gastronomia ha vissuto momenti duri durante questa pandemia, è importante aiutare il settore“. Il premio Michelin Servizio di Sala è stato vinto da Christian Rainer del ristorante Peter Brunel di Arco, ad aggiudicarsi il premio Michelin Chef Mentore è stato Niko Romito del ristorante Reale di Castel di Sangro e il Premio Donna 2020 lo ha portato a casa Marianna Vitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *