Studente ferito da colpo aria compressa, trovati anche cani con ferite da combattimento

Fuorigrotta: tre feriti e 5 arrestati per tentata estorsione

5 arrestati e tre feriti per una tentata estorsione al bar – gazebo di piazza D’Annunzio nei pressi dello Stadio San Paolo a Fuorigrotta. Gli aggressori sono tutti camorristi.

Sembrava il set cinematografico del film di Tarantino  “Bastardi senza gloria” ieri sera in un bar nei pressi dello Stadio San Paolo nel quartiere Fuorigrotta. 5 persone, armate di mazze da baseball e coltellacci, hanno effettuato una spedizione punitiva nei confronti del proprietario del bar e di due clienti, con finalità intimidatorie ed estorsive.

Gli aggressori sono tutti criminali della Camorra di Fuorigrotta

Tutte e 5 i criminali, già pregiudicati per reati affini, sono stati identificati, denunciati e oggi arrestati in seguito alle indagini dei militari dell’Arma dei Carabinieri per le accuse di lesioni ed estorsione. Gli spietati criminali oggi arrestati sono Roberto Alessio Pane di 28 anni di età, Salvatore Vecchione, Carmine Vecchione, rispettivamente di 48 e 57 anni di età ed i figli di questi ultimi, i Giuseppe Vecchione, a loro volta di 27 e 24 anni.

Tre feriti e 5 arrestati

La sfortunata attività commerciale che i criminali hanno preso di mira è il bar – gazebo in piazza D’Annunzio, nei confronti della quale i 5 violenti vantavano esorbitanti pretese estorsive, del valore pari a 5.000 euro mensili.  Il proprietario del bar – gazebo rifiutatosi di versare la somma richiesta è stato aggredito pesantemente con mazze e coltelli, ma è riuscito a scappare in seguito all’intervento coraggioso di due clienti accorsi in suo aiuto.

Traumi cranici e contusioni

Purtroppo i due malcapitati non sono riusciti a godere della medesima sorte del proprietario del bar e hanno subito una solenne bastonatura e vari tentati accoltellamenti da parte degli incivili uomini. I primi hanno riportato fratture craniche e contusioni multiple su tutto il corpo e sono stati ricoverati in ospedale.

Tra i 5 aggressori denunciati è stato riconosciuto anche l’ex proprietario del bar – gazebo, arrestato per associazione a delinquere di stampo camorristico.