sabato, Ottobre 1, 2022
HomeAttualità"Fatti e storie da raccontare", il giornalismo costruttivo di Francesca Ghezzani su...

“Fatti e storie da raccontare”, il giornalismo costruttivo di Francesca Ghezzani su Well Tv

Intervista a Francesca Ghezzani, ideatrice e conduttrice della trasmissione “Fatti e storie da raccontare” in onda su Well tv.

Giunta alla sua quarta edizione, è ripartita la trasmissione “Fatti e storie da raccontare” su Well tv, canale 810 di Sky, ogni martedì alle 10,30 e condotta dall’inossidabile collega Francesca Ghezzani, che ha ideato e condotto il programma sin dalla sua prima puntata.

  • Francesca, ben ritrovata. Parto subito col chiederti come è nata questa trasmissione che ha subito ottenuto un grande successo, dal suo inizio quattro anni fa.

La trasmissione è nata, di fatto, insieme all’emittente stessa. Nel momento in cui nel 2019 fui convocata dall’editore per collaborare e farmi conoscere da vicino la linea editoriale, mi venne chiesto di pensare a due trasmissioni, una di carattere più divulgativo scientifico da cui è nato il programma Versus proseguito fino a tutta la stagione scorsa, e un’altra che fosse un contenitore in grado di dar voce a fatti, storie, vissuti di chi, con impegno, porta avanti le proprie cause in diversi ambiti.

  • Gli ingredienti che tu apporti in trasmissione sono l’immediatezza e la semplicità del linguaggio televisivo, in un mondo giornalistico sempre più autoreferenziale. Concordi?

Pienamente. Bisogna essere veri, autentici. Mi considero una “privilegiata” nel ruolo di tramite tra chi ci guarda e gli ospiti:detto in altre parole, sono quell’anello di congiunzione che deve cercare di fare informazione veritiera e fruibile da tutti, mettendo al primo posto l’umiltà e l’empatia. 

  • Tu tratti in trasmissione argomenti di vario genere, dalla cultura all’arte, dai libri all’attualità, alla salute, alle questioni sociali e approfondimenti. C’è un argomento che non hai ancora trattato, ma che ti piacerebbe approfondire?

Amo i viaggi e anni fa ho condotto su Canale Italia una trasmissione itinerante in giro per il nostro Bel Paese. Per la tipologia di format che vede Fatti e storie da raccontare interamente realizzato in studio e una pandemia nel mezzo questo si è fermato, ma sono soddisfatta così, considerando anche che non amo assentarmi dalla famiglia e che non è più sempre possibile spostarci tutti, come facevamo in passato, tra impegni lavorativi e scolastici sopraggiunti nel frattempo. Rimangono stupendi i momenti in cui mia figlia mi accompagnava sul set stando comodamente seduta nel passeggino appena fuori dall’inquadratura, ma oggi parlo comunque di viaggi, trend e turismo ospitando competentissimi addetti ai lavori.

  • Francesca, tu sei una agguerrita fautrice del giornalismo costruttivo, come ben sai anch’io lo porto avanti, ma cos’è per te quest’attitudine e quali sono gli obiettivi che ti sei prefissata?

Credo che questo modo di fare giornalismo incarni perfettamente la mia vera natura. Sono così anche nella vita, ovvero corretta, chiara e trasparente nel dire come stanno realmente le cose, promuovendo le soluzioni ma anche ammettendo altrettanto onestamente colpe, mancanze, limiti. Ciò, semplificando molto, è quanto il giornalismo costruttivo si propone eticamente di fare. Tra i miei obiettivi, quindi, quello di continuare ad andare incontro all’interlocutore, a incoraggiare l’ascolto, il dialogo e l’empatia tra me, gli ospiti e chi ci segue.

  • Per concludere, cosa possiamo aspettarci per il prosieguo dei “Fatti e storie da raccontare”?

Per questa nuova stagione ho voluto un format più smart della durata di un’ora anziché due, ma al centro restano sempre cultura, arte e spettacolo, attualità, approfondimenti, salute, questioni sociali e ambientali, nuove tendenze, mondo del lavoro, economia e molto altro.

  • Grazie ancora alla collega Francesca Ghezzani per la disponibilità e un grande “Good luck!”

Grazie a te, Daniela, e buon lavoro!

Daniela Merola
Daniela Merola
Napoletana, giornalista, formatrice culturale, ufficio stampa, scrittrice. Vivo per coltivare sogni. Amo lo spettacolo della vita.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI