lunedì, Settembre 27, 2021
HomeCronacaEra diplomata e frequentava l'università Chiara, segregata in casa per otto anni

Era diplomata e frequentava l’università Chiara, segregata in casa per otto anni

Ulteriori dettagli emergono dall'incredibile vicenda di Chiara, la 36enne segregata in casa dalla madre per otto anni. E, stando ai primi accertamenti, non sembrava che avesse una minorazione psichica

Era diplomata e addirittura iscritta all’università Chiara, che da 8 anni viveva tra i rifiuti e non vedeva la luce del sole, segregata in casa sua, in un appartamento a via Omodeo al Vomero, vittima della follia della sua stessa madre. Sono questi i nuovi dettagli che emergono dalle indagini degli agenti del Commissariato Arenella che ieri hanno fatto l’assurda scoperta.

Come in una discarica.

Chiara viveva senza acqua né gas, completamente succube di una madre aguzzina anche per nutrirsi: era la donna 69enne infatti, sua carceriera, a consegnarle un paio di giorni a settimana delle buste della spesa contenenti alimenti. Buste che venivano poi abbandonate dove capitava nella stanza che le faceva da casa e che mai nessuno, in 8 anni, ha pulito.

Proseguono le indagini.

Ma a sconvolgere gli inquirenti è un altro, inquietante dettaglio: dai primi accertamenti effettuati non pare che Chiara avesse un ritardo psichico. Circostanza che renderebbe ancor più inspiegabile la vicenda. Perché Chiara non avrebbe reagito? A quale inaudita violenza psichica è stata sottoposta per diventare così “docile”? Un’ipotesi al vaglio degli inquirenti è sicuramente quella della somministrazione di calmanti: Chiara avrebbe potuto essere stata sedata durante tutti questi anni. I medici del San Giovanni Bosco stanno facendo una serie di analisi. Intanto, dopo i condomini che nulla sapevano, gli inquirenti vogliono ascoltare altre persone, tra cui  il fratello della ragazza che attualmente risiede fuori regione.

Era diplomata e frequentava l'università Chiara, segregata in casa per otto anni
Giuliana Gugliottihttps://www.roadtvitalia.it
Nasco in Ottobre, prima del tempo. Mi resta addosso l'ansia di fare, negli anni imparo che la fretta è cattiva consigliera. Odio le approssimazioni, amo Napoli, l'odore dei libri e le cose ben fatte.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI