De Magistris e Appendino: appello alla Camera, stop al Tav

De Magistris e Appendino: appello alla Camera, stop al Tav

De Magistris e Appendino: La Camera dei Deputati sospenda la ratifica del trattato italo-francese sul Tav

La Camera dei Deputati sospenda la ratifica del trattato italo-francese sul Tav. E’ la richiesta contenuta in una lettera inviata da un gruppo di amministratori locali, tra cui il sindaco di Torino, Chiara Appendino, e il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, alla presidente Laura Boldrini, al premier Paolo Gentiloni, al ministro delle infrastrutture Graziano Del Rio e a tutti i deputati.

 

De Magistris e Appendino: necessaria una riflessione sulle priorità

Nella lettera (firmata anche dal sindaco di Rivalta, Mauro Marinari, e dal presidente dell’Unione montana Valle Susa, Sandro Plano) si osserva che la Torino-Lione comporterà un finanziamento di 2,9 miliardi di euro nonostante i “gravi problemi che travolgono il nostro Paese“, dalla ricostruzione post-terremoti alla messa in sicurezza delle scuole. E’ dunque “necessaria e urgente una riflessione sulle effettive priorità“. Al presidente del Consiglio e al ministro si chiede un incontro per “esporre nei dettagli queste esigenze che riteniamo essere condivise da molte amministrazioni del territorio a livello nazionale“.