martedì, Maggio 17, 2022
HomeFocusDe Laurentiis: "Spalletti l'ho scelto io. Ibra era nostro, poi Gattuso..."

De Laurentiis: “Spalletti l’ho scelto io. Ibra era nostro, poi Gattuso…”

Aurelio De Laurentiis è tornato a parlare del suo rapporto con l’allenatore Luciano Spalletti e ha svelato un retroscena sull’attaccante svedese.

Aurelio De Laurentiis è tornato a parlare del suo rapporto con l’allenatore Luciano Spalletti. Il presidente del club azzurro ha fatto chiarezza, ai microfoni di “Dazn”, come riporta “Kiss Kiss Napoli”, radio ufficiale del club partenopeo. “L’ho scelto io, già a gennaio del 2021. Andai a Milano di nascosto a casa sua e gli feci firmare il biennale più un’opzione per il terzo anno a nostro favore, che non voleva sottoscrivere. Poi l’ho convinto. Facciamo un secolo e mezzo in due. Quando e se vorrà andare via, ci daremo la mano e non succederà nulla”, ha precisato De Laurentiis. A ruota, sulla questione mentale, che avrebbe bloccato il Napoli, il numero uno della società partenopea ha dichiarato: “Sono tutte cavolate. Certo il fattore psicologico è importante ma non posso pensare che ci possa essere una mosca tse-tse che improvvisamente crei un problema a 25, 30 giocatori di altissimo livello. Mi sembra assurdo”.

De Laurentiis ha poi parlato di Carlo Ancelotti: “E’ un fuoriclasse, che ha avuto solo la sfortuna di non essere simpatico ai tifosi napoletani. Non ha avuto la furbizia di rendersi tale e non è stato visto come ‘uno dei nostri’ dalle curve”. Infine, un retroscena relativo al mancato arrivo di Ibrahimovic: “Avevamo già firmato tutto con Zlatan, l’accordo c’era. Poi venne esonerato Ancelotti e al suo posto arrivò Gattuso. Mi chiamò e mi disse: ‘Si fidi di me, non abbiamo bisogno di Ibra’. E io mi fidai”.

Francesco Monaco
Napoletano, giornalista, autore del romanzo 'Baciami prima di andare'. A tratti sognatore e pensatore. In attesa di capire il resto, forse di niente
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI