domenica, Maggio 22, 2022
HomeAttualitàCovid, mortalità nei non vaccinati 15 volte più alta di chi ha...

Covid, mortalità nei non vaccinati 15 volte più alta di chi ha la dose booster

Covid. I dati contenuti nel Report integrale sulla sorveglianza epidemiologica SarS-Cov-2 dell’Istituto superiore di sanità

La mortalità per Covid-19 tra le persone senza vaccino risulta 15 volte più alta rispetto a chi ha fatto la dose booster, e circa 5 volte maggiore rispetto a chi è vaccinato con due dosi da meno di quattro mesi. Sono i dati contenuti nel Report integrale sulla sorveglianza epidemiologica SarS-Cov-2 dell’Istituto superiore di sanità, pubblicato oggi, che riporta i dati di mortalità nella popolazione over 12, registrati nel periodo 21 gennaio-20 febbraio 2022.

Le persone prive di vaccino, in base al rapporto, finiscono in terapia intensiva 13 volte di più rispetto a chi ha fatto la dose booster. Il tasso di ricovero in rianimazione tra le persone sopra i 12 anni non vaccinate è risultato – nel periodo 28 gennaio-27 febbraio – di 16 ricoveri per 100mil abitanti, pari a circa 4 volte più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da più di 120 giorni, (4 ricoveri in terapia intensiva per 100.000 ab.) e circa 13 volte rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster: tra questi il tasso di ricovero a di 1 per 100mila.

I non vaccinati, inoltre, vengono ricoverati in ospedale circa 8 volte di più rispetto a chi ha ricevuto il booster e circa 3 volte di più rispetto a chi ha fatto la doppia dose, indicano i dati dei ricoveri nei reparti di area medica degli ospedali italiani nella popolazione over 12 registrati fra il 28 gennaio e il 27 febbraio.

LEGGI ANCHE: Ucraina, la Russia minaccia l’Italia: “Con altre sanzioni conseguenze irreversibili”

Il tasso di ospedalizzazione per i non vaccinati è stato infatti di 222 ricoveri per 100mila abitanti contro i 65 ricoveri per 100mila abitanti registrato fra chi aveva due dosi (circa 3 volte maggiore) e contro i 27 ricoveri per 100mila abitanti tra chi aveva la dose aggiuntiva/booster (circa 8 volte più alto).

L’efficacia del vaccino nel ridurre il rischio di infettarsi con Sars-CoV-2 è pari al 72% nei vaccinati con booster rispetto ai non vaccinati, al 52% tra coloro che hanno completato il ciclo vaccinale entro 90 giorni, al 43% tra i 91 e 120 giorni dalla vaccinazione, e al 48% oltre 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, evidenzia il report.

Dai dati emerge inoltre che il vaccino anti-Covid ha una efficacia nel prevenire casi di malattia severa è del 92% nelle persone vaccinate con dose booster e scende al 73% nei vaccinati con ciclo completo da meno di 90 giorni, al 76% nei vaccinati con ciclo completo da 91 e 120 giorni, e al 76% nei vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 120 giorni.

Nella fascia 10-19 anni si registra il più alto tasso di incidenza a 14 giorni, pari a 1.695 casi per 100.000, mentre nella fascia di età 70-79 anni si registra il valore più basso, 556 casi per 100.000 abitanti. In aumento l’incidenza a 14 giorni nelle fasce 10-19, 20-29, 50-59, 60-69 e 70-79 anni, secondo il quadro delineato da dati che abbracciano il periodo dal 28 febbraio al 13 marzo.

Dal monitoraggio settimanale, relativo al periodo 7-13 marzo e diffuso ieri, si è evidenziato, a livello nazionale, un aumento dell’incidenza a 576 per 100.000 abitanti, rispetto a 429 per 100.000 abitanti della settimana precedente (28 febbraio-6 marzo).

In questo contesto risulta in leggera diminuzione da circa tre settimane la percentuale dei casi Covid segnalati nella popolazione in età scolare (26%) rispetto al resto della popolazione. Nell’ultima settimana il 15% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nei bambini sotto i 5 anni, il 39% nella fascia d’età 5-11 anni, il 46% nella fascia 12-19 anni.

Il report ricorda come dall’inizio dell’epidemia da Covid al 16 marzo sono stati diagnosticati in totale 3.072.520 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 15.532 ospedalizzati, 355 ricoverati in terapia intensiva e 50 deceduti.

Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI