martedì, Agosto 3, 2021
HomeArticoliConfederations Cup: probabili formazioni di Brasile-Giappone

Confederations Cup: probabili formazioni di Brasile-Giappone

di Michele Longobardi

 

Stasera alle 21.00, ora italiana, comincerà la Confederations Cup, antipasto per i Mondiali 2014 che si disputeranno in Brasile, stessa location della Confederations Cup.

La partita che aprirà le danze sarà vedrà di fronte il Brasile di Felipe Scolari e il Giappone allenato dal nostro Alberto Zaccheroni. Le formazioni che dovrebbero scendere in campo non mostrano sorprese particolari, con i carioca che schierano una difesa di altissima qualità, lontani sono i tempi, infatti, in cui la difesa era il punto debole della Nazionale verdeoro. Thiago Silva del PSG e David Luiz del Chelsea si disporranno al centro con Marcelo e Dani Alves ai lati. A centrocampo non dovrebbe partire titolare il laziale Hernanes, ci saranno invece Oscar, Paulinho e Luiz Gustavo. In attacco Neymar sarà una delle stelle più in vista della competizione.

Zaccheroni ha invece un paio di dubbi. In difesa Nagatomo è in ballottaggio con Sakai dello Stoccarda. Ma il dubbio più importante è quello sulla presenza di Honda, cercato da molte squadre, anche italiane, tra cui il Milan. Kagawa e Maeda faranno parte del match cercando di impensierire la difesa verdeoro.

Brasile (4-3-3): Julio Cesar; Dani Alves, David Luiz, Thiago Silva, Marcelo; Paulinho, Luiz Gustavo, Oscar; Hulk, Neymar, Fred. A disposizione: Jefferson, Cavalieri, Dante, Filipe Luis, Jean, Rever, Fernando, Hernanes, Bernard, Jadson, Leandro Damiao, Lucas. Allenatore: Scolari.

Giappone (4-2-3-1): Kawashima; Nagatomo, Konno, Yoshida, Uchida; Hasebe, Ende; Kiyotake, Kagawa, Okazaki; Maeda. A disposizione: Nishikawa, Gonda, Inoha, G.Sakai, Kurihara, H.Sakai, Hosogay, Nakamura, Inui, Takahashi, Honda, Havenaar. Allenatore: Zaccheroni.

Confederations Cup: probabili formazioni di Brasile-Giappone
Michele Longobardi
Laureato in Lettere moderne alla Federico II. Appassionato di videogiochi, calcio, cinema e letteratura. Crede che il giornalismo non sia solo ricerca della verità, ma anche sapiente uso di ironia e sarcasmo.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI