domenica, Ottobre 24, 2021
HomeAttualitàChe delusione la rappresentazione distorta di Napoli propinata da Augias

Che delusione la rappresentazione distorta di Napoli propinata da Augias

L’editoriale di Renato Votta sulla trasmissione “Città Segrete”

Masaniello, Cutolo, Maradona. A me questa rappresentazione di Napoli che ha fatto Corrado Augias non è piaciuta. Scontata, ovvia, forzatamente erudita… Scene di film degli anni sessanta, interviste ai giovani camorristi pescate negli archivi Rai e riciclate tante altre volte negli speciali su Napoli tutti uguali e tutti basati sugli stessi cliché. La prossima volta, Napoli fatela raccontare ai nostri giovani videomaker. Ce ne sono tanti, bravi e anche meno costosi.

Almeno per loro la giornata tipo di un napoletano non sarà come quella che è secondo Corrado Augias: una preghiera a San Gennaro la mattina, un saluto all’altarino di Diego, un giro a Scampia per comprare o vendere droga, una pizza margherita a pranzo, una suonata di mandolino e un giro il pomeriggio a Piazza Mercato a onorare la memoria di Masaniello. Cosa abbiamo dimenticato? Ah sì, Pulcinella…

Caro dr. Augias, ha ragione: per migliorare Napoli bisogna raccontarla. Ma per raccontarla bisogna viverla, sentire le persone, esserci, connettersi fisicamente ed emotivamente. Purtroppo non basta prenotare un paio di notti all’albergo a cinque stelle sul lungomare e fare la passerella… Bisogna sporcarsi le mani, insomma. Servono giornalisti giornalisti, non giornalisti impiegati. Ricorda Fort Apache?

Renato Votta
Renato Votta, co-founder di Road Tv. Negli anni Novanta, già girava i suoi format on the road, tra la gente. A distanza di quasi trent'anni, non ha ancora perso il vizio...
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI