mercoledì, Febbraio 28, 2024
HomeAttualitàChaîne des Rôtisseurs con i nuovi soci del Bailliage Harry di Prisco,...

Chaîne des Rôtisseurs con i nuovi soci del Bailliage Harry di Prisco, Chiara Petitti e Misao Ozone

Si è da pochi giorni concluso il cinquantacinquesimo Grand Chapitre d’Italie della Chaîne des Rôtisseurs con il tributo speciale al giornalista enogastronomico Harry di Prisco, V.Chargé de Presse, alla Sommelier Chiara Petitti ed allo Chef giapponese Misao Ozone. Un tris d’eccezione che ha impreziosito la già meravigliosa Venezia, cornice dell’evento dove ha brillato la delegazione di Frosinone capitanata dalla Bailli Maria Grazia Pisterzi.

Insieme alla Pisterzi sono tuttavia intervenuti al Congresso Internazionale, direttamente da quel di Frosinone, anche Bruno Polidori, Vice Argentier Honoraire, e Mario Amedeo Folliero, Chef Rôtisseur.

Ma i veri protagonisti sono stati i nuovi soci del Bailliage: il giornalista enogastronomico Harry di Prisco, Vice Chargé de Presse; la Sommelier Chiara Petitti, lo Chef giapponese Misao Ozone, Maitre Rotisseur. I nuovi adepti hanno ricevuto in questa occasione le insigne durante la solenne cerimonia delle  Intronizzazioni  nel corso del Grand Chapitre di Venezia, presso la Scuola Grande della Misericordia, con il giuramento, la proclamazione e l’imposizione della spada sulla spalla pronunciando la formula di rito.

Dopo la manifestazione è seguita una cena di gala alla quale hanno partecipato circa cinquecento tra soci e amici della Chaîne, tenutasi al secondo piano dello storico edificio cinquecentesco della Scuola Grande della Misericordia che presenta ancora affreschi di  Alvise da Friso, tra le finestre i Dodici Profeti Maggiori, uno spazio dove storia e cultura inevitabilmente dialogano con il territorio.

La Chaîne des Rôtisseurs è un’Accademia Internazionale di Gastronomia, presente in tutto il mondo con i suoi venticinquemila associati, e rappresenta oggi un punto di riferimento per la ristorazione di eccellenza ed è universalmente riconosciuta quale sinonimo di prestigio per i suoi membri che ne rispettano i suoi principi fondamentali quali l’amore per la gastronomia e il valore dell’amicizia con la mission della condivisione di valori gastronomici e della cultura della tavola.

Nata nel 1950 a Parigi, la Chaîne des Rôtisseurs conta migliaia di gruppi nel mondo. Solo in Italia superano i novecento associati, lo scopo è la promozione di valori e cultura della gastronomia con alla base la sincera amicizia e il piacere della tavola. Unico obiettivo: raggiungere la vera gioia della convivialità. L’Accademia è presente in Ciociaria da circa quindici anni grazie a Maria Grazia Pisterzi, docente di cucina, pizzeria e panificazione la quale era proprietaria del Ristorante di famiglia “La Campanella” ed è sicuramente fra le Ladies Chefs in attività la più conosciuta d’Italia e non solo, rappresentando egregiamente il Made In Italy. I suoi successi culinari e i suoi eccezionali lavori artistici con la pasta di pane, eseguiti con una tecnica esclusiva,  la annoverano fra gli artisti più bravi di questo settore così particolare.

Dopo qualche anno è stata scelta per rappresentare la Terra Ciociara, dando vita alla delegazione di Frosinone de la Chaîne. Entrando nello specifico, scopriamo che gli associati si distinguono in: “Professionnels”, le persone direttamente impegnate nel settore dell’enogastronomia; in particolare, gli chef, i proprietari, i gestori, i direttori o i dipendenti di un ristorante  e  “Amateurs”, le persone  che non sono professionisti del settore della gastronomia e della ristorazione.

La Chaîne des Rôtisseurs vede la luce idealmente nel 1248, quando Etienne Boileau, prevosto di Parigi, scrive su commissione del re Luigi IX, il “Libro dei Mestieri”. È un testo rivoluzionario con il quale il monarca, poi salito alla gloria degli altari come San Luigi dei Francesi, liberalizza tutte le professioni. Da quel momento ogni mestiere, abbinato ad una confraternita, si poteva esercitare liberamente. Tra questi, anche gli Oyeurs, gli arrostitori di oche (rôtisseurs). La storia della Chaîne parte dunque da lì.  Dopo varie vicende storiche, durante la Rivoluzione francese col governo di Napoleone Bonaparte furono cancellati  tutti gli ordini religiosi e le confraternite, finché nel 1950 viene rifondata a Parigi la confraternita da un gruppo di gastronomi e giornalisti.

Da allora l’Associazione è cresciuta di molto, tanto che oggi  è presente con i “cavalieri della gastronomia” in tutti i continenti. A reggere oggi il Bailliage Nazionale è  Enrico Spalazzi, mentre Roberto Zanghi, Consigliere Magistrale, è stato incaricato dalla Chaîne mondiale di presiedere il Capitolo di Venezia, con la cerimonia clou alla Scuola Grande della Misericordia.

Il “Bailliage d’Italie” è parte ed emanazione dell’associazione internazionale “Chaîne des Rôtisseurs – Association Mondiale de la Gastronomie”, con sede in Parigi, e – in base allo Statuto –  ha lo scopo di promuovere, in tutte le Regioni d’Italia, i valori gastronomici e la cultura della tavola nel senso più ampio, in tutte le materie relative a cibi o bevande nonché diffondere e incoraggiare lo sviluppo delle arti  culinarie. Per conoscere più da vicino il mondo “Chaîne des Rôtisseurs” suggeriamo di visitare il sito http://chaine-des-rotisseurs.it/it/la-chaine

RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI