Bacoli: scoppia un tombino in via Lungolago

Salta in aria un tombino a Bacoli

di Redazione

Bacoli – Solo pochi giorni fa lo stato dell’impianto fognario del comune di Bacoli aveva destato forti preoccupazioni tra i cittadini, quando un geyser di melma aveva invaso la strada a Cuma. Oggi, i timori si sono rinforzati: sono ben due i tombini letteralmente saltati in aria in una della traverse di via Lungolago adiacente a viale Olimpico.

Lo scoppio ha terrorizzato i residenti tra le 11.30 e le 12. Per fortuna la strada, generalmente affollata da studenti, pedoni ed auto, era libera e il boato ha attirato alle finestre quanti erano in casa. “Pensavamo fosse scoppiata una bomba” ha detto un abitante della zona.

Sul posto sono accorsi carabinieri, vigili del fuoco e vigili urbani nonchè tecnici della Napoletana Gas, intervenuti in seguito al sospetto di una fuga di gas. I tecnici ritenevano, infatti, che una dispersione di gas potesse essere tra le cause dello scoppio dei tombini a Bacoli, ma non sono state trascurate le possibili concause: il maltempo, che ha provocato nel territorio notevoli danni nei giorni precedenti, ed un eventuale scarico nel sistema fognario di materiali e sostanze speciali.

L’area è stata chiusa al transito fino alle 15. Le indagini delle forze dell’ordine e dei tecnici della Napoletana Gas hanno evidenziato la presenza di un liquido infiammabile all’interno delle condutture fognarie. Probabilmente l’esplosione, che ha interessato anche tombini di un’abitazione privata, è stata causata dal contatto tra il liquido – illegalmente gettato nella fogna cittadina – e il gas disperso nel sottosuolo.

Tanta paura e asfalto divelto sono il risultato dell’azione di chi, dai residenti, è stato già definito un criminale: “non so cosa sarebbe successo se fosse passato qualcuno. In questo momento saremmo costretti a parlare di una vera e propria tragedia.I danni potevano essere devastanti”.

7 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.