venerdì, Giugno 21, 2024
HomeCronacaArrestato in Canada uomo che vendeva kit per suicidio acquistati anche a...

Arrestato in Canada uomo che vendeva kit per suicidio acquistati anche a Napoli e Caserta

Il 57enne è considerato colui che ha venduto oltre 1000 ‘kit per il suicidio’ in circa 40 Paesi, tra le quali l’Italia.

La polizia canadese ha arrestato e incriminato un uomo di Toronto considerato colui che ha venduto oltre 1000 ‘kit per il suicidio‘ in circa 40 Paesi, tra le quali l’Italia. Lo riporta la Bbc.

Kenneth Law, 57 anni, sedicente chef, è accusato di consulenza e aiuto al suicidio. Tra le persone morte dopo aver indossato una maschera facciale a base di nitrito di sodio, contenuta nel kit, c’è un’insegnante di 63 anni della provincia di Trento trovata morta nel suo appartamento. Le indagini, ha riferito la polizia, sono cominciate dopo la morte improvvisa di una persona a Toronto che aveva ingerito una sostanza letale.

La prima, e al momento unica, vittima italiana è un’insegnante di 63 anni, residente in Trentino, che lo scorso 4 aprile si è tolta la vita con il veleno acquistato sul web.

Il nome della donna, morta nella propria abitazione in Valsugana, figura nella lista di nove persone indicate dall’Interpol canadese come clienti del sedicente chef dell’Ontario, arrestato il 31 marzo scorso, che avrebbe ammesso di aver fornito a centinaia di persone una finta maschera facciale a base di nitrito di sodio.

In Italia il kit, oltre che dell’insegnante trentina, è stato acquistato da altre 8 persone residenti nelle province di Roma, Milano, Napoli, Monza, Lecco, Caserta, Bologna e Pavia. Persone che sono state tutte rintracciate dalle forze di polizia e che stanno tutte bene.

L’unica vittima, come detto, è dunque la donna di 63 anni residente in Trentino e sul caso sono in corso gli accertamenti della Procura di Trento e dei carabinieri della Compagnia di Borgo Valsugana. I militari sono stati i primi ad intervenire a casa della donna, catalogando i reperti e informando dell’accaduto l’autorità giudiziaria. La Procura di Trento ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, al momento contro ignoti.

Dalle prime informazioni, la donna è stata trovata nel suo letto, con accanto una lettera dove spiegava come aveva fatto a togliersi la vita e un biglietto destinato ai familiari, in cui si diceva dispiaciuta per il gesto e spiegava: “Sono troppo malata, troppo dolore, non avevo altra scelta”.

Le indagini sulla vendita online di kit per il suicidio è iniziata nella municipalità di Peel, nell’Ontario, dopo la segnalazione di sette decessi per suicidio nel Regno Unito e tre negli Stati Uniti, tra cui un ragazzo di 17 anni, collegati alla vendita online di nitrito di sodio. Gli approfondimenti hanno portato le autorità canadesi a identificare Kenneth Law come presunto responsabile delle spedizioni della sostanza, apparentemente innocua, utilizzata nel processo di conservazione degli alimenti.

Law è stato arrestato in Canada il 31 marzo scorso per il reato di istigazione al suicidio. Sembrerebbe che abbia venduto on line circa 1.200 kit a persone residenti in 40 Paesi diversi.

Il primo suicidio con il kit venduto online da alcuni siti riconducibili a Law risalirebbe a due anni fa, quando uno studente di filosofia di 22 anni venne trovato senza vita nella stanza di un hotel di Londra. Vicino al corpo vi era un pacchetto di nitrito di sodio. All’epoca dei fatti, il padre era intervenuto pubblicamente per condannare la vendita di prodotti per il suicidio online, rilevando la facilità di accesso alle sostanze per le persone fragili. Simile la storia di una ragazza di 23 anni del Surrey, morta lo scorso anno.

La Divisione centrale della polizia criminale italiana è stata avvisata dell’Interpol canadese lo scorso 29 aprile, attraverso la segnalazione di nove indirizzi a cui era stato spedito il kit. Tra questi figurava anche quello dell’insegnante trentina. Questure e Compagnie dei carabinieri italiane sono state allertate immediatamente per effettuare delle verifiche assieme alle autorità socio-sanitarie locali ai rimanenti otto indirizzi segnalati. L’Interpol canadese ha inoltre chiesto agli inquirenti di segnalare eventuali collegamenti o elementi utili alle indagini.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI