Allerta meteo arancione, scuole chiuse e monitoraggio costante

Scatta l’allerta meteo. Una particolare attenzione va posta a tutte le aree che sono state interessate dai recenti incendi. Potrebbe infatti verificarsi il trasporto a valle dei materiali prodotti dalla combustione. 

La Protezione Civile lancia l‘allerta meteo arancione per oggi 11 settembre.

L’allerta interessa tutta la Regione Campania.

L’allerta meteo nei vari comuni

La perturbazione, proveniente da centro Italia,  percorrerà prima i quadranti settentrionali della Campania,  per estendersi poi alla provincia di Napoli, e alla Penisola Sorrentino-Amalfitana.

L’allerta meteo arancione è scattata ieri, dalle ore 22:00, ed è stata estesa alle successive 24 ore.

Molte le scuole che rimarranno chiuse oggi nella Regione. Per esempio a Salerno il sindaco Vincenzo Napoli ha disposto la chiusura, in via precauzionale, di ogni scuola di ordine e grado. Lo stesso ha fatto il sindaco di Cava dè Tirreni Vincenzo Servalli, che ha inoltre fatto evacuare 16 famiglie residenti in località San Felice, sul versante nordest del territorio comunale.

Anche a Maiori Antonio Capone,  e il Sindaco di Minori Andrea Reale, hanno disposto la chiusura di ogni scuola a seguito dell’allerta meteo. A Benevento, il sindaco Clemente Mastella ha invece emesso un avviso di allerta, invitando i cittadini a fare attenzione ai sottopassi che potrebbero allargarsi e a non sostare con le auto in zone alberate e a non camminare in zone con cornicioni o tetti pericolanti in caso di vento.

Secondo la Protezione civile quello che ci dobbiamo aspettare è la possibilità di frane e colate rapide di fango o di detriti, voragini e fenomeni di erosione, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori. Una particolare attenzione va posta a tutte le aree che sono state interessate dai recenti incendi. Potrebbe infatti verificarsi il trasporto a valle dei materiali prodotti dalla combustione.

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha disposto il monitoraggio costante dell’evolversi della situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *