Pompei: cede parete in una zona chiuso al pubblico, la ‘casa della caccia ai tori’

Cedimento di una parete, rivelato questa mattina, in una zona dell’area archeologica di Pompei chiuso al pubblico, la ‘casa della caccia ai tori’

Il cedimento di una parete è stato scoperto stamane in una zona dell’area archeologica di Pompei chiuso al pubblico, la cosiddetta ‘casa della caccia ai tori‘. Il crollo si è verificato probabilmente nei giorni scorsi, caratterizzati da una forte ondata di maltempo, ma è stato rilevato solo stamattina.

 

Pompei, Osanna: “Non è un crollo ma il distacco di un pezzo di muro”

Il cedimento riguarda una porzione di muro di circa un metro e mezzo distaccatasi interamente per cause impreviste dovute al vuoto sottostante causato dall’esistenza di una cisterna. L’intonaco – a quanto si apprende – non è stato danneggiato. Per il soprintendente Massimo OsannaNon è un crollo ma il distacco di un pezzo di muro per cedimento in fondazione causato dal vuoto sottostante (dovuto alla presenza di una cisterna) e quindi non prevedibile. Non c’è danno alla materia archeologica – sottolinea- perché il muro è intatto e si può ricollocare in situ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *