caldoro pizzaiolo

Caldoro pizzaiolo per un giorno da Lampo2. Errico Porzio pizzaiolo da record

Caldoro pizzaiolo per un giorno da Lampo2. Errico Porzio pizzaiolo da record. Il candidato alla presidenza della Regione si è esibito come pizzaiolo

Caldoro pizzaiolo per un giorno in un incontro elettorale presso la pizzeria del Maestro Errico Porzio, titolare della pizzeria Lampo2.

Stefano Caldoro ha incontrato il maestro pizzaiolo Porzio a ‪Soccavo per parlare di scuola di formazione per i pizzaioli e dei prodotti dell’eccellenza campana. Il candidato alla presidenza della Regione Campania si è esibito come pizzaiolo, grazie all’aiuto fondamentale di Errico, a stendere, condire e infornare un po’ di pizze per i clienti.

Per l’occasione il maestro Porzio, insieme a Gennaro Catapano, della pizzeria Jolly di Palma Campania e Maurizio Ferrillo, della pizzeria Pizzaza’ di via Caravaggio, hanno consegnato a Stefano Caldoro la pizza con la sua effige. La presenza di Caldoro nel quartiere di Soccavo, nella zona del Rione Traiano, è stata accolta con entusiasmo, e come indicato dal candidato presidente lancia un messaggio chiaro, “ripartire dai quartieri più periferici per riqualificare l’intera città e Regione”

La formazione e l’occupazione sono gli scopi della Scuola Pizzaioli Napoletana, gestita da Errico, che nel 2010 decise di iniziare questo nuovo percorso. Dopo 5 anni il lavoro svolto con entusiasmo ha portato ottimi risultati. La passione con cui segue questi ragazzi è eccezionale, i quali vengono seguiti nella formazione fino all’inserimento nel campo lavorativo.

Errico Porzio è anche nel Guinnes dei primati nel 2004 con una pizza da record di 5 metri e 19 cm di diametro. Altro importante record nel 2014 in cui 272 pizzaioli lanciavano in aria e condivano una pizza contemporaneamente. Un pizzaiolo da record anche con le sue pizze che riproducono Maradona,Ciro Esposito (VEDI VIDEO), Benitez e Hamsik. 

Prossimo appuntamento a Chiasso per battere un nuovo record. Sessanta sacchi di farina da 25 chili l’uno. 600 chili di mozzarella e altrettanti di pomodoro. 20 casse di basilico e una cinquantina di litri d’olio. Questa è la ricetta per sfornare il maggior numero di pizze in dodici ore mai raggiunto prima. Il 27 giugno, dalle 11 alle 23, cinque forni a legna cercheranno di sfornare ben 5500 pizze per entrare nel Guinness dei primati. Il record attuale è stato realizzato a Singapore due anni fa con 3574 pizze.

Saranno ben 30 i pizzaioli che in Piazza Indipendenza cercheranno di assaltare il record nelle dodici ore, suddivisi tra una ventina di pizzaioli provenienti da Napoli e altri dieci ticinesi. Il ritmo da tenere sarà di 80 pizze sfornate all’ora per forno. Per questo motivo è previsto che ad ogni postazione lavorino 3 persone: una che stende la pasta, una che la condisce e l’ultima che inforna (Fonte Ticino on line)