venerdì, Giugno 21, 2024
HomeAttualitàA Vico Equense scoppia la guerra della pizza a metro

A Vico Equense scoppia la guerra della pizza a metro

A scatenare la guerra della pizza a metro è l’iniziativa dell’amministrazione comunale guidata da Peppe Aiello che istituisce la prima De.Co., ‘Vico al Metro’.

La statua di Gigino Dell’Amura è proprio davanti al locale. È ancora lì, dal 21 giugno del 2018, quando fu installata per festeggiare i primi 50 anni di attività della sede di via Nicotera di ‘Pizza a Metro – l’Università della Pizza‘, il luogo simbolo del piatto che oggi spacca in due la città della costiera che ha dato i natali a giganti della ristorazione italiana, come Antonino Cannavacciuolo e Gennarino Esposito.

A scatenare la guerra della pizza a metro è l’iniziativa dell’amministrazione comunale guidata da Peppe Aiello, che istituisce la prima De.Co. (Denominazione Comunale), ‘Vico al Metro’, per fare in modo, come spiega l’assessore al turismo della Campania, Felice Casucci, “che sia riconosciuta la pizza al metro e Vico Equense come una destinazione territoriale non solo legata ai luoghi e alle sue eccellenze enogastronomiche ma anche alle tradizioni e all’identità che rappresentano”.

Una decisione che non va per niente giù agli eredi di ‘Gigino’ Dell’Amura. “Chi è stato primo – dicono mostrando un’immagine del brevetto originale – resterà per sempre primo: nessuno può impedire a nessuno di fare una pizza e di venderla al metro, ma la ricetta originale e autentica è quella che fu inventata da Luigi Dell’Amura, conosciuto come Gigino, il 4 settembre 1959”.

“La ricetta originale e i segreti di produzione e di lavorazione della Pizza a metro di Gigino sono nella nostra cassaforte oltre che nella nostra memoria – affermano orgogliosi – giacché fu il nostro avo ad introdurre nel mondo della pizza un nuovo modo di preparare l’impasto e servirlo”.

“Assieme a tante altre iniziative che stiamo portando avanti – dice il sindaco Aiello, incurante delle polemiche – ci proiettiamo con sempre maggior determinazione ad accogliere la stagione turistica e la candidatura di Vico Equense a Città creativa del Gusto Unesco”. Un legame con l’amministrazione di Vico che forse nel passato aveva un altro sapore perchè a scoprire il busto di ‘Gigino’ Dell’Amura fu l’ex sindaco suo predecessore, Andrea Buonocore, con una cerimonia molto commovente e partecipata.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI