Terme di Agnano, la protesta dei lavoratori: “basta con la precarietà” (VIDEO)

Terme di Agnano, lavoratori in protesta a Palazzo San Giacomo

di Redazione

“Quando le terme erano private lavoravamo bene, ci pagavano regolarmente, abbiamo anche avuto anche due premi di produzione. Da quando siamo passati alla gestione pubblica invece, i soldi non ci sono e il futuro delle terme è un punto interrogativo”.
Sono le dichiarazioni di alcuni dipendenti delle terme di Agnano che questa mattina si sono riuniti in un sit-in di protesta davanti a Palazzo San Giacomo per denunciare la precarietà della loro situazione lavorativa.

A settembre il comune, attuale proprietario della struttura, avrebbe aperto un bando di gara per assegnare la gestione delle terme a un soggetto privato, ma la gara è andata deserta.
I dipendenti lamentano l’assenza di un piano economico di sviluppo della struttura, che attualmente è a rischio chiusura nonostante l’affluenza, in questi anni che hanno visto il passaggio dalla gestione privata a quella comunale, non sia mai calata. Anzi.

Il paradosso è proprio questo: le terme continuano ad essere frequentatissime, “fiore all’occhiello della città di Napoli, come le ha più volte definite il sindaco”, spiegano i manifestanti, il lavoro da fare è tanto, ma per gli 81 dipendenti comunali di stipendi neanche l’ombra.

“Domani saremo ancora qui” annunciano i manifestanti, che recentemente hanno avuto un incontro con l’assessore Panini, dal quale attendono ancora “risposte certe, non chiacchiere”.

GUARDA IL VIDEO:

29 ottobre 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.