sabato, Agosto 13, 2022
HomeCulturaTeatro: "Sogni, colori e bisogni", evento fra Napoli e Pompei

Teatro: “Sogni, colori e bisogni”, evento fra Napoli e Pompei

La rassegna teatrale a cura dell’Accademia Vesuviana del Teatro, è dedicata alla piccola Lorena Boccia, allieva dell’Accademia prematuramente scomparsa

“Sogni, colori e bisogni” è la rassegna teatrale a cura dell’Accademia Vesuviana del Teatro e Cinema di Gianni Sallustro in collaborazione con la Talentum Production di Marcello Radano, che si svolge dal 29 giugno al 17 luglio nel Teatro Instabile Napoli e nel Teatro Di Costanzo Mattiello di Pompei. La rassegna è dedicata alla piccola Lorena Boccia, allieva dell’Accademia prematuramente scomparsa.

“Ancora una volta punto sui giovani talenti – dice Sallustro, direttore artistico dell’Accademia – Questo è il quindicesimo anno che organizzo rassegne e per questa edizione ho voluto puntare sul teatro come luogo dell’anima utile per rigenerarsi. Dopo anni molto duri si ritorna a stare insieme, a fare teatro. Da quest’anno, come direttore artistico, ho voluto ambientare parte della rassegna in questo luogo magico della città. Da qui partiamo per una nuova stagione all’insegna della cultura e dello spettacolo di qualità”.

LEGGI ANCHE: E’ morto a 99 anni lo scrittore napoletano Raffaele La Capria

Mercoledì 29 e giovedì 30 giugno nel Teatro Instabile Napoli le proiezioni dei due cortometraggi “Con occhi diversi” ed “Io”, entrambi incentrati sul mondo dei bambini, diretti da Sallustro e realizzati da Giovanni e Lucrezio Catapano, fanno da prologo alla rassegna.

Venerdì 8 luglio e sabato 9 luglio, alle ore 20,30, nel teatro Instabile Napoli va in scena “Lo magnifico cunto” adattamento e regia di Gianni Sallustro da “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile. Si tratta della favola di Cenerentola nella sua prima versione napoletana scritta, alla quale poi attinsero Perrault e gli altri favolisti successivi al Basile.

Si prosegue sabato 16 luglio nel Di Costanzo Mattiello a Pompei alle ore 20.30 con “Una farsa chiamata vita” di Sallustro ispirata ad un testo di Vincenzo Scarpetta. Chiude la rassegna “Non ti pago” di Eduardo De Filippo che va in scena domenica 17 luglio alle 20.30.

LEGGI ANCHE: “La settimana dello scrittore, ricordando Michele Prisco”: serata di apertura

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI