Sulla SpaceShip verso Marte

Sarà composta da due stage la nave spaziale SpaceShip di Elon Musk destinata a raggiungere Marte.

A bordo sarà presente solo del personale altamente qualificato, per la rischiosità della missione e per via del ritardo di connesione che grava di 6 minuti. Il tutto sarà sotto il controllo dall’ente spaziale NASA. Il razzo sarà munito di un vettore Falcon Super Heavy, il pù grande della famiglia dei Falcon e il più potente.

La fase cruciale sarà quella del “lift off” ovvero la fase di decollo verticale che definirà se la struttura del razzo regga o meno allo sforzo gravitazionale e i limiti strutturali. Arrivato alla bassa atmosfera, si sgancerà con il vettore e attenderà l’arrivo della “refuel ship” per i rifornimenti e il carburante.

Una volta terminato il rifornimento, inizierà ad accelerare per fuggire dalla gravità terrestre ed entrare nel campo gravitazionale marziano. Il fabbisogno energetico della nave sarà sorretto da due pannelli solari che verranno estratti fino all’arrivo, dopo 9 mesi, su Marte. Durante il viaggio, i passeggeri consumeranno quante meno provviste e ossigeno disponibili. A pochi milioni di chilometri dal pianeta, SpaceShip inizierà una decellerata che la porterà ad atterarre verticalmente sulla superficie del pianeta Rosso.

Vittorio Senzio 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *