“Stop Biocidio”, conferenza stampa in Piazza del Plebiscito a Napoli (VIDEO)

Le immagini della conferenza stampa di Stop Biocidio su quanto pubblicato dall’ISS e dalla procura di Napoli Nord.

Si è tenuta questa mattina, in Piazza del Plebiscito, a Napoli, la conferenza stampa di Stop Biocidio su quanto pubblicato dall’ISS e dalla procura di Napoli Nord.

“Dopo anni di battaglie, anche la Procura di Napoli Nord riconosce ciò che i comitati affermano da anni e cioè che esiste un evidente nesso di causalità tra l’interramento dei rifiuti e le gravissime patologie andatesi a formare nella Terra dei Fuochi. Adesso che il negazionismo ventennale viene smentito da una verità ufficiale non c’è più tempo da perdere.”

È quanto dichiarano stamattina in conferenza stampa i comitati di Stop Biocidio, rete regionale da anni in prima linea contro l’inquinamento e la devastazione ambientale.

“Ci servono bonifiche immediate, efficaci, trasparenti, soggette a controllo popolare; ci servono screening di massa per la popolazione; ci serve un piano straordinario di vaccinazioni per tutte e tutti quelli che, a causa di questo disastro, si trovano con un sistema immunitario compromesso; ci serve un’immediata riconversione della gestione rifiuti che abbandoni definitivamente il modello basato su discariche e inceneritori.
È assordante il silenzio del Presidente della Regione Vincenzo De Luca, negli anni tra i più accaniti detrattori dei comitati della Terra dei Fuochi. Così come assordante il silenzio di tutte le altre istituzioni, evidentemente impegnate nell’ennesima spartizione di poltrone romane e assenti su temi che dovrebbero essere la priorità del paese. Non possiamo più accettarlo. Nella nostra terra a troppi figli sono stati strappati i genitori e a troppi genitori i figli. È il momento di dire basta”, concludono gli attivisti, che si danno appuntamento mercoledì 17 febbraio alle 19.00 per un’assemblea pubblica online per rilanciare la mobilitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *