venerdì, Dicembre 3, 2021
HomeCulturaRecensione “A passo gentile – pause di riflessione” (edizioni DEL FARO)

Recensione “A passo gentile – pause di riflessione” (edizioni DEL FARO)

13 NOVEMBRE: GIORNATA DELLA GENTILEZZA e le edizioni IL FARO propongono “A PASSO GENTILE” di Serena Mastrangelo

“A passo gentile – pause di riflessione” ( edizioni DEL FARO) è il libro con il quale torna sugli scaffali delle librerie Serena Mastrangelo, psicoterapeuta individuale, familiare e di coppia, una professionista napoletana trasferita a Cesena da circa trent’anni. Nel 2018 esordì come scrittrice con “Pensieri Bonsai” (pubblicato sempre con le Edizioni Del Faro), un viaggio nei ricordi per comprendere il proprio cammino; un libro con il quale ha suggerito ai lettori una sorta di metodo per conoscere ed amare la vita e, come tutti i metodi, per essere realmente efficace deve essere interiorizzato e “A passo gentile” aiuta questo processo.

L’importanza della GENTILEZZA è stata ufficialmente riconosciuta tant’è vero che ad essa è stata dedicata l’intera giornata del 13 novembre: nelle scuole di ogni ordine e grado (e non solo) si parla di questa virtù, che ormai pare caduta un disgrazia nell’ambito del costume sociale, nell’affannoso tentativo di recuperarla. La Mastrangelo analizza il suo decadimento e propone delle ipotesi di recupero partendo da valutazioni, possibili nuovi atteggiamenti e “ritmi” individuali.

Non è casuale che il libro inizia con il pensiero di Madre Teresa:

“Le parole gentili sono brevi e facili da dire, ma la loro eco è eterna”

e con il proverbio russo che cita:

“Una parola gentile è come un giorno di primavera” e l’aria che si respira in primavera rinvigorisce l’energia vitale degli esseri umani; riprendere l’abitudine a porgersi nei confronti del prossimo con gentilezza significa allenarsi a nutrire nuovamente la pazienza, la fiducia, a godere della tenerezza … tutte cose indispensabili al benessere interiore di ogni individuo e tutte cose alle quali ci si è disabituati già da prima della pandemia che in realtà, purtroppo, ha solo dato il colpo di grazia!

Nell’esercizio della sua professione l’autrice ha avuto l’opportunità di constatare quanto questo processo distruttivo sia incentivato dai ritmi frenetici della vita quotidiana e da qui il suo invito al recupero delle pause, ad un rallentamento dell’azione a vantaggio della riflessione. Il libro, inoltre, rappresenta una novità: è interattivo in quanto alla fine di ogni sessione presenta una pagina vuota sulla quale il lettore può segnare le proprie considerazioni e può interagire via social con la psicoterapeuta.

“A passo gentile – pause di riflessione” (edizioni DEL FARO)

Marina Topa
Insegnante di lingua e letteratura francese. Per caso ha conosciuto il "Pianeta Infanzia" e si è con slancio catapultata nella scuola dell'Infanzia dove, sempre per caso, ha scoperto di amare la scrittura.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI