sabato, Ottobre 16, 2021
HomeCronacaRaccolta differenziata in Campania, la regione vicina agli standard europei

Raccolta differenziata in Campania, la regione vicina agli standard europei

La Raccolta differenziata in Campania si avvicina sempre più al target europeo, cioè l’obiettivo del 50% di avvio al riciclo al 2020. Un traguarda ottenuto già da otto regioni e 3,141 Comuni in Italia e la Campania se non fosse per Napoli rientrebbe tra queste, come spiega Filippo Bernocchi, delegato Anci Politiche per l’energia e i rifiuti: “Continua la forbice tra centro e sud. Ma se avessimo il dato della Campania senza Napoli, anche lì avremmo una Regione al 50%. In generale, manca una visione della politica che sia organica dell’economia circolare”.

Restando sempre in Campania, il comune più ecologico è Bacoli, che si piazza al primo posto tra i comuni 25 mila e i 50 mila abitanti. Pozzuoli invece è in testa tra i comuni tra i 50 mila e 100 mila abitanti.

L’ottimo risultato centrato dagli abitanti di Bacoli ha inorgoglito il sindaco, Josi Gerardo Della Ragione, che ha così commentato questa loro piccola vittoria ecologica: “”Il modello di bacoli è un esempio per Tutto il sud che deve essere esportato”. “Se al sud siamo in ritardo – continua il sindaco di Bacoli – la colpa non è della popolazione, che è sempre stata pronta a questo tipo di modello, ma degli amministratori che sono stati poco sensibili in passato”. Ma agli errori si può ovviare e Josi Gerardo Della Ragione propone “meno discariche, meno inceneritori e più raccolta differenziata”.

Raccolta differenziata in Campania, la regione vicina agli standard europei
Francesco Healy
Ho sempre odiato, sin dalla nascita, le bugie e le ingiustizie, dunque da grande avevo solo due strade da poter percorrere, quella del detective o del giornalista, ho scelto la seconda e il potere della penna, da sempre affascinato da tale professione.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI