Omicidio Giancarlo Siani, reddito di cittadinanza al figlio del boss mandante dell’assassinio

“Un uomo di camorra non può essere mantenuto dallo Stato, un insulto alla memoria del giornalista e a tutte le vittime”

Il figlio del boss Luigi Baccante, capo dell’omonimo clan di Marano e condannato per essere tra i mandanti dell’omicidio del giornalista Giancarlo Siani, ucciso il 23 settembre 1985 a soli 26 anni, come scrivono i colleghi de Il Mattino, percepisce il reddito di cittadinanza

La legge prevede infatti che solo chi abbia commesso delitti connessi con l’associazione mafiosa, con il terrorismo e l’eversione, non debba beneficiare del reddito, pertanto il figlio del boss può ottenerlo.

“Un uomo di camorra non può essere mantenuto dallo Stato, un insulto alla memoria del giornalista e a tutte le vittime”, il commento del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *