mercoledì, Luglio 28, 2021
HomeCronacaOmeopatici Napoli: la vicenda del bimbo di 7 anni è un caso...

Omeopatici Napoli: la vicenda del bimbo di 7 anni è un caso isolato

Un probabile caso di “malpractice” individuale “nulla ha a che fare con l’Omeopatia in quanto tale così come col lavoro serio e coscienzioso di migliaia di omeopatici“, che hanno la fiducia di 8-10 milioni di utenti in Italia, 130 in Europa ed oltre 700 nel mondo. Cosi la “Liga Medicorum Homeopathica Internationalis“, attraverso il Centro LUIMO di Napoli, commenta la vicenda del piccolo Francesco, il bambino di 7 anni morto il 27 maggio all’Ospedale di Ancona, in seguito ad una otite curata senza l’uso di antibiotici.

 

Omeopatici Napoli, Lega dei Medici: “Ogni medico agisce secondo scienza e coscienza”

La delegazione italiana della L.M.H.I. esprime consenso per “la cautela ed al rispetto con cui si sono espressi sia il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che altri autorevoli esperti sul caso specifico“. “Ogni omeopata, in quanto medico, agisce responsabilmente secondo scienza e coscienza – aggiunge la Lega dei Medici Omeopaticile sue scelte, quindi, devono essere sempre guidate da competenza professionale ed onestà intellettuale“.

Omeopatici Napoli: la vicenda del bimbo di 7 anni è un caso isolato
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI