NTS’ Arte e Teatro nel cuore di Napoli (VIDEO)

Al teatro Sanità il reading gratuito de “La grammatica di Nisida”

di Anna Copertino

Lunedì 14 Ottobre, alle ore 17.00 al Nuovo Teatro Sanità che si trova a Piazzetta San Vincenzo, tra i vicoli del Rione Sanità, lo stesso che diede i natali al grandissimo Antonio de Curtis, in arte Totò, ha avuto luogo un reading tratto da La Grammatica di Nisida.

Una raccolta di racconti scritta, insieme ai ragazzi e alle ragazze dell’Istituto Penale Minorile, da autori quali Viola Ardone, Luigi Romolo Carrino, Daniela De Crescenzo, Maurizio De Giovanni, Alessandro Gallo, Antonio Menna, Tjuna Notarbartolo, Anna Petrazzuolo e Patrizia Rinaldi con la prefazione di Luisa Mattia. Protagonisti del reading sono stati: Tina Femiano, Carlo Caracciolo, Irene Grasso, Vincenzo Pirozzi, Carlo Geltrude, Mariano Coletti, Vincenzo Coletti.

Entrare nel Nuovo Teatro Sanità toglie il fiato. E’ bellissimo, magico, ti impregna la pelle con l’eco delle parole recitate, ti fissa dagli altari laterali, da statue artistiche ed è allora che ti rendi conto che è una chiesa sconsacrata, e che dietro la scena, il palco e le tende di velluto ha conservato l’altare con un affresco meraviglioso. Ti accorgi di quanto amore e cura è stata messa da chi veramente vuole la rinascita dell’arte teatrale e di un quartiere da troppo tempo messo al bando.

Il Nuovo Teatro Sanità ed il quartiere si fondono in un’unica essenza e ti accorgi di una Napoli che solo chi, come Mario Gelardi, direttore artistico poteva essere capace di mostrarci. Il cartellone della prima stagione è ricco di spettacoli ed opere che valgono la pena di essere viste. L’evento, a ingresso libero, previa offerta per realizzare un progetto scolastico per i ragazzi dell’istituto, offriva anche la possibilità di acquistare i libri di Caracò, la casa  editrice guidata dallo stesso Gelardi, che ha pubblicato la Grammatica di Nisida e che, nella primavera del 2014, pubblicherà il volume cui abbiamo appena iniziato a lavorare.

GUARDA LA VIDEO-INTERVISTA A MARIA FRANCO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.