sabato, Ottobre 1, 2022
HomeCulturaTorna a Napoli la rassegna "L'altro Giappone": al Mann dal 4 al...

Torna a Napoli la rassegna “L’altro Giappone”: al Mann dal 4 al 9 ottobre

Nell’Auditorium del Mann, verranno presentati i principali lavori giapponesi ed internazionali, alcuni dei quali inediti per l’Italia

Dal 4 al 9 ottobre torna “L`altro Giappone”, l`unica manifestazione cinematografica e non solo del Mezzogiorno dedicata interamente al Giappone. Il tema scelto per quest`anno dall`omonima associazione è Satellites of love, per caratterizzare una Japan Week promossa in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale (MANN), l`Istituto francese Grenoble, l`Università L`Orientale, l`Istituto Giapponese di Cultura, l`Istituto Pontano, con il contributo della Film Commission della Regione Campania e della Direzione Generale per le Politiche culturali ed il turismo della Regione Campania.

Entropie familiari, nuovi modelli di relazione ed healing saranno le linee guide che caratterizzeranno l`edizione 2022, figlia di un percorso ben preciso che muove da una riflessione sull`individuo e sulla società posti di fronte a terremoti emotivi – personali e collettivi – dettati prima dalla pandemia e poi dai conflitti bellici. Partendo da un ragionamento su alcuni fenomeni presenti nel Giappone attuale (otaku, hikikomori, morti solitarie), la Rassegna cinematografica, che spazia dal dramma alla commedia pop, dall`ero-guro al documentario, si propone l`obiettivo di comprendere come i singoli si rapportino a questi argomenti, ma anche come i cineasti li rappresentino e quale sia la loro influenza sulla cinematografia europea ed internazionale.

Mentre nell`Auditorium del Mann (dal 5 al 9 ottobre, 15 – 19.30 / giovedì 15 – 22.30), verranno presentati i principali lavori giapponesi ed internazionali, alcuni dei quali assolutamente inediti per l`Italia e sottotitolati per l`occasione dallo staff de L`ALTRO GIAPPONE, all` Istituto Francese `Le Grenoble`, per la prima volta, si terrà un focus sulle produzioni franco-nipponiche (Teatro Dumas, 4,5,7,8 ottobre dalle 20.30 alle 23.00).

L`inaugurazione della rassegna è affidata nella serata di martedì 4 ottobre presso il Grenoble a Giorgio Amitrano, Professore Ordinario di Lingua e Letteratura giapponese all`Università “L`Orientale”, che presenterà LOVE LIFE di Koji Fukada, film in concorso al Festival di Venezia appena concluso, coprodotto da Chipangu, Nagoya Broadcasting Network, Comme Des Cinémas e distribuito in Italia da Teodora Film.

LEGGI ANCHE: Creativity for Life, foto per cambiare il mondo al Mann

Un racconto di dolore e lutto, giocato attraverso gli sguardi, che ha commosso la platea e la critica che lo ha definito la “normalizzazione di un melodramma”, un modo per far comprendere in maniera efficace come una cultura diversa da quella occidentale e una cifra stilistica personalissima, possano rileggere e rielaborare ciò che di negativo accade nelle nostre esistenze.

Per il vernissage, il 4 ottobre, è stata organizzata una tavola rotonda presso l`Istituto Grenoble, sul tema “Il Nirvana delle verdure – principi di alimentazione e percorsi di cura”. Parteciperanno Yosuke Taki, autore e saggista, chiamato a raccontare metodi di agricoltura naturale giapponese; Yoshie Mizushima, chef ed esperta di alimentazione, che illustrerà i segreti della cucina illuminata; Myoei Di Perna del Tempio Ten shin sul pasto rituale Oryoki; Felice Farina, ricercatore Unior su il percorso della soia e le fermentazioni; il medico nutrizionista Gennaro Crispo. L`incontro sarà introdotto e coordinato da Chiara Ghidini, Professore Associato UNIOR e seguito dal docufilm “Diary of an Nun`s abudant kitchen”.

Alcune anticipazioni della programmazione al MANN per la prima giornata del 5 ottobre: alle ore 15 FAMILY ROMANCE LLC, 2019, diretto da Werner Herzog, e l`imperdibile BLOOD AND BONES di Yoichi Sai, film del 2004 mai arrivato in Italia con uno straordinario Takeshi Kitano, vincitore di ben 18 riconoscimenti in patria. “Traslocato” in Giappone Herzog punta la telecamera su una società che assolda attori per supplire assenze e consolare la solitudine, mentre BLOOD AND BONES è la storia della famiglia di un immigrato coreano disposto a tutto per rifarsi dei sacrifici, tra ossessioni e sconfitte.

E ancora, nella mattinata del 5 ottobre, al Mann (ore 10) l`esposizione del mosaico con testa di Medusa, proveniente dalla Casa del Citarista a Pompei, fonte di ispirazione per la riproduzione musiva, con la scritta “Imagine”, voluta da Yoko Ono nel memoriale a John Lennon presso il Central Park newyorkese. All`evento di presentazione parteciperà, oltre al Direttore del MANN Paolo Giulierini, anche Michelangelo Iossa, che ha studiato i rapporti tra l`artista giapponese e la città di Napoli.

A seguire talk con Marco Ferrari, tour operator e youtuber e l`esperta di turismo Mizue Inami su “Flussi turistici Italia-Giappone: i corridoi delle aree interne” e infine l`incontro sul tema: “Nel segno dei vulcani: il Mann e Pompei in Giappone. Curiosità, spunti e riflessioni di tre archeologi”. Modera il direttore del Mann Paolo Giulierini. Interverranno: Marialucia Giacco, funzionario archeologo del Mann; Rosaria Ciardiello, archeologa e docente di Itinerari archeologici in Campania Unisob; Luca Prosdocimo, archeologo, docente MI e dottorando in Asia, Africa e Mediterraneo Unior.

Tra le novità di quest`anno, nell`ambito degli eventi speciali, la presenza del Tempio Ten shin – Cuore di cielo puro di Napoli, l`unico riconosciuto dalla Scuola Zen Soto nel Sud Italia, che proporrà al Museo Archeologico per proporre una “ZEN EXPERIENCE”, durante la quale sperimentare antiche pratiche della tradizione Zen e godere della Mostra di Shodo “Shakyo – La scrittura del Sutra del Cuore”, patrocinata dall`Unione Buddhista Italiana. Previste tecniche di respirazione ed esercizi sui meridiani; introduzione alla postura e pratica di meditazione; una passeggiata contemplativa nella sala del Museo e l`arte Zen della scrittura.

Per l`evento di chiusura della manifestazione, presso l`Istituto Pontano si terrà il concerto del duo giapponese soft-punk VAIWATT che nel 2021 ha ripreso le attività post-pandemiche partecipando all`evento “Kafadan Kontak Records” di Istanbul. In seguito il duo nipponico ha organizzato il festival internazionale “Edo Wave 2021” al “Loft Shinjuku” di Tokyo, che si ripeterà a novembre di quest`anno. A giugno 2022 è uscito il nuovo singolo “Grey Gardens”, che è anche colonna sonora ufficiale della rassegna de L`ALTRO GIAPPONE. Il concerto si inscrive nelle celebrazioni “100 anni del Pontano a Palazzo Cariati”.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI