martedì, Febbraio 7, 2023
HomeCulturaLa grande musica rinascimentale nel Duomo di Napoli per il miracolo laico...

La grande musica rinascimentale nel Duomo di Napoli per il miracolo laico di San Gennaro

Proseguono le iniziative dell’Associazione I Sedili di Napoli Onlus per il sostegno alla candidatura UNESCO del Culto e Devozione di San Gennaro a Napoli e nel Mondo.

Continuano le iniziative dell’Associazione I Sedili di Napoli Onlus per il sostegno alla candidatura UNESCO del Culto e Devozione di San Gennaro a Napoli e nel Mondo. Sabato 17 dicembre dalle ore 19:30 nella Cattedrale di Napoli, per la prima volta assoluta, si terrà un concerto di musiche barocche con coreografie in abito storico cinquecentesco in onore del Santo Patrono in occasione dell’auspicato Miracolo “laico”. L’evento vedrà l’esibizione di brani di autori rinascimentali e barocchi delle diverse scuole musicali europee a cura dell’Ensemble Concentus e con le coreografie della Compagnia di danze storiche Tempus Saltandi, provenienti per l’occasione dal Salento.

Nella suggestiva e prestigiosa “cornice” della Chiesa Madre partenopea, riecheggeranno le note delle antiche musiche degli autori più famosi che nelle corti europee tra il XVI ed il XVII secolo si trovavano nel loro massimo splendore.

A Napoli, fino al 1800, era consuetudine, soprattutto nelle feste e nelle onoranze patronali, trasformare gli antichi edifici dei “Sedili” in veri e propri piccoli teatri cortesi che ospitavano i maggiori musicisti dell’epoca per accompagnare le danze delle giovani Dame di Tocco delle rispettive famiglie patrizie ascritte ai Sedili ma anche il Popolo organizzava nelle piazze principali analoghi eventi musicali ed artistici.

Con il concerto “A Lieta Vita” offerto gratuitamente alla cittadinanza ed ai turisti in Cattedrale, si farà pertanto memoria storica e rievocazione del sentimento cittadino di Fede e Devozione nei confronti di San Gennaro, in occasione dell’auspicato prodigio della liquefazione del sangue che dal 1631 si rinnova quasi ogni anno il 16 dicembre.

Fu in quell’anno, infatti che a seguito di una violentissima eruzione del Vesuvio che causò la morte di circa 4.000 persone e che seminò la distruzione nei paesi vesuviani che si affacciano sul Golfo, la preziosa reliquia, portata in solenne processione fino al Ponte della Maddalena, al cospetto del vulcano, improvvisamente si sciolse con il repentino spegnimento della terribile eruzione. Come ex-voto i Napoletani raccolsero somme necessarie per commissionare a Cosimo Fanzago la bellissima guglia che campeggia davanti alla scalinata monumentale della Cattedrale in Piazzetta Sisto Riario Sforza ed in quella piazzetta, fino al XIX secolo, si tenevano le feste cittadine in ricordo dell’evento miracoloso per onorare San Gennaro.

Prima dell’inizio del concerto, aperto gratuitamente al pubblico, il marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, in rappresentanza della Eccellentissima Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro, illustrerà i motivi per il quale il miracolo di Dicembre, viene detto “laico”.

L’iniziativa si innesta nel ricco programma “Cattedrale in Natale” fortemente voluto dal parroco p. Vittorio Sommella per sostenere iniziative benefiche che saranno illustrate nel corso della serata.

Sulla pagine FB: “I Sedili di Napoli Custodi della Nostra Storia” il programma completo del concerto.

Redazione Desk
Redazione Desk
Questo articolo è stato scritto dalla redazione di Road Tv Italia. La web tv libera, indipendente, fatta dalla gente e con la gente.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI