E’ morto Giulietto Chiesa, giornalista e politico

La sua sempre precisa analisi ha attraversato i grandi temi dalle guerre in Medio Oriente, fino alle contraddizioni della globalizzazione.

Quello che ti colpiva in Giulietto Chiesa era il connubio tra dolcezza e determinazione: i baffi che dimostravano l’attaccamento alla storia, lo sguardo tagliente, l’eloquio brillante mai banale di chi il Novecento lo aveva attraversato in prima persona senza tirarsi mai indietro e guidato, nonostante le alterne vicende, dalla chiarezza delle idee.

E’ morto ieri e a darne la notizia è stato l’amico di sempre Vauro Senesi, con una struggente dedica sulla sua pagina Facebook. ”Non riesco ancora a salutarlo”, scrive il disegnatore. ”Ricordo ancora i suoi occhi lucidi di lacrime a Kabul, davanti ad un bambino ferito dallo scoppio di una mina. E’ morto un uomo ancora capace di piangere per l’orrore della guerra. I suoi occhi sono un po’ anche i miei”. scrive ancora Vauro che con Chiesa aveva realizzato il best seller ‘Afghanistan Anno Zero’. Giulietto Chiesa era nato il 4 settembre 1940 ad Acqui Terme (Alessandria).

Giornalista e politico incarnava la passione in entrambi gli ambiti. A Mosca arrivò nel 1980 per seguire le Olimpiadi con la compagna Fiammetta Cucurnia, e lì rimase come corrispondente per L’Unità e La Stampa, ma anche il Manifesto, Tg5, Tg1 e Tg3, per raccontare i grandi cambiamenti del Novecento che da Mosca sono passati e la trasformazione dall’URSS comunista alla Russia moderna. Ma la sua analisi ha attraversato i grandi temi dalle guerre in Medio Oriente, fino alle contraddizioni della globalizzazione a cui ha dedicato anche interessanti volumi come La guerra infinita e la globalizzazione (Feltrinelli 2002), fino a Putinfobia del 2016.

Si era sin da ragazzo impegnato politicamente in prima persona: dirigente nazionale della Federazione Giovanile Comunista Italiana, dal ’70 al ’79 dirigente della Federazione di Genova del Pci e dal 1975 al 1979 capogruppo del partito nel Consiglio provinciale di Genova. Nel 2003 è stato eletto al Parlamento Europeo con la lista Di Pietro-Occhetto-Società civile. Ma non aveva mai lasciato il giornalismo, condirettore di Avvenimenti e poi di Left per una brevissima stagione, aveva anche un blog su Ilfattoquotidiano.it. Del 2007 è Zero. Perché la versione ufficiale dell’11 settembre è un falso, un volume collettivo che fece molto discutere come tante delle sue prese di posizione sempre nette. Grande conoscitore dell’est europeo, ha scritto anche per vari giornali russi. Il filo rosso del suo pensiero l’ha espresso fino a pochi giorni fa sulla tv online, Pandora tv , che aveva fondato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *