Morte Maria Paola Gaglione, il fratello: “L’ho inseguita, ma non uccisa”

Michele Gaglione si difende: “Volevo solo chiederle di tornare a casa”. Ma per il gip deve restare in carcere

Michele Gaglione si difende: “Volevo solo chiederle di tornare a casa”. Ma per il gip deve restare in carcere

L’ho inseguita a bordo del mio scooter, ma non l’ho uccisa. Non ho provocato io l’incidente. Volevo solo chiederle di tornare a casa: aveva fatto le valigie ed era scomparsa, gettando tutta la famiglia nella disperazione“.

E’ questa – secondo quanto riferito in sintesi dal suo legale, Domenico Paolella – la tesi difensiva che Michele Gaglione, fermato per omicidio preterintenzionale dopo la morte della sorella Maria Paola, ha ribadito stamane durante l’udienza di convalida davanti al gip Fortuna Basile, al termine della quale è stata decisa la convalida dell’arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *