venerdì, Settembre 17, 2021
HomeCulturaMETTI CHE. Sostieni i pensieri di una scrittrice con il crowdfunding

METTI CHE. Sostieni i pensieri di una scrittrice con il crowdfunding

“Metti che è estate e mi porti a canna su una vecchia bici

Metti che mi si scompigliano i capelli come canne al vento

Metti che ci mettiamo un po’ di grazia nel declinare al plurale il

nostro amore e a far combaciare gli umori

Metti che ci regaliamo cuori di carta e ne facciamo cartine di

viaggio per raggiungere un miraggio”

“Metti che”
Aria Es

Metti che, ecco il progetto

Due parole, quaranta giorni per raggiungere la somma di 500 euro e 30 pagine di pensieri, parole, emozioni, paura rabbia e gioia.
Una scommessa, perché “Metti che” questo il titolo della raccolta di testi tratti dal blog della giornalista Arianna Esposito, è  un gomitolo di emozioni e pensieri, il cui filo si perde tra le parole.
Ma come fare arrivare queste parole a tutti? Semplice: rivolgersi a una piattaforma di crowdfunding (formula di microfinanziamento collettivo ) è sembrata all’autrice la soluzione più pratica e coinvolgente.

Contribuire al progetto è molto semplice: basta collegarsi al seguente link, registrarsi e decidere la somma da destinare al progetto (si va da un minimo di 5 euro) previste anche ricompense (shopper, segnalibri e copie omaggio del testo) per i sostenitori più generosi.

“Mi stimolava l’idea di servirmi di una piattaforma di raccolta fondi per raggiungere il mio obiettivo, coinvolgendo il popolo del web. E il team di Eppela ha accolto con professionalità e grande supporto il mio progetto, a dimostrazione che nel grande magma del web, si trovano anche strumenti utili.

I fondi raccolti verranno utilizzati per la stampa (su carta riciclata) e distribuzione del testo (sia in formato cartaceo e digitale) e per tutte le attività di promozione e condivisione dello stesso. 

C’è tempo fino al 22 dicembre per contribuire al progetto.

 

METTI CHE. Sostieni i pensieri di una scrittrice con il crowdfunding
Rita Guitto
Vivo di cinema e letteratura e credo che il giornalismo sia un modo di essere, poi un lavoro. L’informazione è la giusta leva per far girare il mondo come dovrebbe.
RELATED ARTICLES

ARTICOLI RECENTI